Quantcast

Dionisi: «Non si può abbattere la scuola di Saturnia. Genitori chiedono sia ricostruita»

SATURNIA – «L’Edificio scolastico di Saturnia, verrà abbattuto. Secondo il sindaco Mirco Morini e l’assessore Bruni “non ci sono alternative”. Una decisione già presa, senza un’adeguata comunicazione ai genitori e alla “comunità”. Tra i genitori c’è apprensione» a dirlo il consigliere di opposizione Fiorenzo Dionisi che chiede un incontro pubblico all’amministrazione comunale.

Dionisi chiede al sindaco che «l’edificio scolastico di Saturnia venga ristrutturato e/o ricostruito interamente, dove è attualmente ubicato. Perciò, chiedo un tuo impegno a reperire le risorse necessarie dal bilancio del Comune e dal “Pnrr”, per conservare nella frazione di Saturnia questo importante edificio, costruito da oltre 60 anni, anche con il lavoro gratuito di molti concittadini».

«Anche l’ordine del giorno del Consiglio di classe recita:

1. di attivarsi nel più breve tempo possibile alla risoluzione certa e definitiva della grave situazione sopra evidenziata attraverso il ritorno inderogabile, nel limite massimo del 1° febbraio 2022 -inizio del secondo quadrimestre di questo anno scolastico-, nella sede di Saturnia;

2. in alternativa, qualora non fossero ancora compiuti i lavori di ristrutturazione e/o messa in sicurezza dello stabile attuale o di parte del medesimo, tramite l’allestimento in paese di idonee strutture atte allo scopo come moduli prefabbricati e/o strutture scolastiche provvisorie;

3. di informare periodicamente, durante l’evolversi della situazione, con notizie certe: l’Istituzione Scolastica, le famiglie degli alunni e le popolazioni interessate…».

Commenti