Quantcast

Beccato spacciatore grossetano: aveva quasi un chilo di droga e migliaia di euro

Più informazioni su

GROSSETO – Un uomo di 30 anni, residente a Grosseto, è stato arrestato per possesso di droga destinato allo spaccio.

I carabinieri nel transitare in una via del quartiere Barbanella di Grosseto, avevano notato una vettura in movimento, con due persone a bordo. È scattato il controllo d’iniziativa, da cui è emerso che i due, un 30enne ed un 21enne, entrambi italiani e residenti stabilmente a Grosseto, erano gravati da precedenti in materia di stupefacenti. Il controllo è quindi proseguito con la perquisizione personale e del veicolo, dove nella disponibilità di ciascuno dei due sono stati trovati alcuni grammi di hashish.

I militari hanno quindi approfondito, estendendo l’attività all’abitazione del 30enne: quest’ultimo infatti al momento del controllo su strada, oltre ad avere con sé alcuni grammi di hashish, custodiva nel giubbotto oltre 700 euro in contanti. I Carabinieri hanno quindi esteso la perquisizione a casa del soggetto, dove sono stati trovati altri 800 grammi di hashish circa, di cui parte già pronta per essere ceduta, ed il resto in panetti sigillati, opportunamente decorati con immagini chiaramente evocative.

Il tutto è stato posto sotto sequestro, oltre a ulteriori 2.500 euro in contanti di grosso taglio. Terminate le attività, il 30enne è stato condotto al carcere di Grosseto, mentre il 21enne, trovato in possesso di una modica quantità di stupefacente, è stato segnalato con atti a parte alla Prefettura di Grosseto come assuntore di stupefacenti.

carabinieri droga

I carabinieri fanno sapere che restano da chiarire i rapporti tra i due: «verosimile infatti che lo stupefacente trovato indosso al più giovane fosse stato poco prima ceduto proprio dal 30enne, con cui è emersa una pregressa amicizia, che in questo caso giustifica le verosimili modalità di cessione della droga».

L’arresto si è svolto in ambito di controlli straordinari del territorio, che i Carabinieri di Grosseto hanno avviato da alcuni giorni, e per cui sono impiegati alcuni equipaggi delle Squadre di Intervento Operativo (Sio). Si tratta di assetti organici al 6° Battaglione Mobile Carabinieri “Toscana”, di stanza a Firenze, e le cui squadre sono per due settimane distaccate presso il comando di Piazza Lamarmora. Ciò permetterà di rendere più efficaci e sostanziosi i controlli del territorio ordinariamente svolti dai reparti territoriali; in particolare nelle zone più sensibili, e soprattutto in ottica di prevenzione e contrasto ai reati predatori, nonché al consumo e spaccio di stupefacenti. I controlli straordinari proseguiranno anche nei prossimi giorni.

Più informazioni su

Commenti