Quantcast

Asea: «Sul Pnrr per l’Amiata bisogna fare presto, serve una cabina di regia territoriale»

Più informazioni su

AMIATA – «Sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza siamo arrivati al momento di fare sul serio». Questo è il messaggio che manda Asea insieme a tutte le imprese che ne fanno parte.

Nei mesi e nelle settimane scorse il Direttivo e i membri dell’associazione si sono impegnati in un tour fatto di ascolto e condivisione: «Abbiamo incontrato praticamente tutti i rappresentanti del mondo produttivo – afferma Renzo Verdi, Presidente di Asea. Qualche settimana fa, presso la sede dell’Unione dei Comuni dell’Amiata Grossetana, incontrando le ultime associazioni di categoria, abbiamo finalmente condiviso con tutti le nostre idee, abbiamo ascoltato le proposte di tutti».

Asea aveva già prodotto un documento chiamato “Patto per l’Amiata” consegnato in estate al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e all’assessore all’economia e alle attività produttive Leonardo Marras.

«Dall’estate ad oggi abbiamo arricchito il nostro documento di nuove idee, arrivate dai vari incontri fatti – continua Verdi. Abbiamo incontrato soggetti istituzionali come i comuni, ma anche ENEL e moltissime altre realtà. Ora è arrivato il momento di procedere.>
>
«Ecco perché chiediamo alle istituzioni di creare un gruppo di lavoro unico per tutta l’Amiata, che possa identificare i progetti migliori coinvolgendo anche la Regione. Questo procedimento è fondamentale per rispettare le missioni indicate nel PNRR – conclude il presidente di ASEA – e per prevedere con Regione Toscana ed enti come Cosvig un piano preciso per l’attuazione dei progetti».

Più informazioni su

Commenti