Quantcast

Ristori Covid, parla Pastorelli: «Facciamo chiarezza»

MAGLIANO IN TOSCANA – “Mi sono trovata in più occasioni nell’ufficio del sindaco assieme all’assessore Mancineschi a parlare di come era andata quest’anno la stagione turistica nel nostro comune, e con gli stessi commentavamo che i locali del nostro territorio avevano lavorato moltissimo e pertanto, a rispetto all’anno passato, potevano aver meno bisogno di ristori, visto anche tutte le agevolazioni di cui già avevano goduto”, così la vicesindaco del Comune di Magliano in Toscana Mirella Pastorelli risponde ai consiglieri e assessori di Magliano Comune aperto.

“In una seduta collegiale – prosegue Pastorelli -, alla quale era presente il sindaco e funzionari comunali, fu ipotizzato di utilizzare i fondi dei ristori per una parte da dare ai commercianti, e un’altra parte da utilizzare per i lavori del palazzo comunale. Pur non essendo pienamente d’accordo, essendo la sottoscritta anche assessore al Sociale – per questo mi sono sempre battuta per le agevolazioni alle nostre attività produttive, come ad esempio abbonamenti per gli studenti del superiore, tariffe su richiesta individuale e quant’altro -, in quella seduta espresse solo la propria opinione di dare i contributi a tutti i commercianti che avevano subito perdite e non solo ai bar e ristoranti”.

“Trovo assurde le accuse mosse dal ‘gruppo civico’, e non conosco da quale cognizione le stesse arrivino, poiché non sono mai stati presenti nelle riunioni dove si è parlato di questo argomento. L’obiettivo di Fratelli d’Italia è quello di garantire sempre la trasparenza e la buona amministrazione del nostro territorio. E’ per questo che in Consiglio comunale ci batteremo affinché i contributi vengano erogati ai soli commercianti e attività locali e non per i lavori al palazzo comunale. Riguardo poi alle sterili polemiche, queste non ci interessano. Da sempre il partito, sia a livello nazionale che a livello locale, ha le idee chiare e una linea politica anch’essa chiara sui ristori e sui fondi Covid”, conclude Mirella Pastorelli.

Commenti