Quantcast

Spiaggia libera Marina, Grosseto al centro: «Cosa pensano gli eletti, privatizzare sì o no?»

GROSSETO – Un mese fa Grosseto al centro aveva presentato in Comune oltre 1.400 firme di cittadini che chiedevano al sindaco di “mantenere libero e fruibile il tratto di spiaggia pubblica di Marina di Grosseto davanti a Villa Gaia e di non dare la concessione per la realizzazione del trentaduesimo stabilimento balneare della frazione”. Il prossimo 29 ottobre la Commissione giudicatrice si riunirà pubblicamente per l’apertura delle buste con le offerte presentate.

“Il bando prevede che il Comune di Grosseto, per finalità di interesse pubblico, si riservi la facoltà insindacabile di non procedere all’assegnazione in concessione, e che l’aggiudicatario non possa avanzare né far valere, per qualsiasi titolo o ragione, alcuna pretesa risarcitoria”, spiegano dall’associazione.

“Sottrarre un bene pubblico alla fruizione della collettività per perseguire l’interesse di un privato è una scelta che attiene unicamente alla politica”, aveva dichiarato Marcello Campomori, promotore della petizione e candidato sindaco di Grosseto al centro alle ultime elezioni.

Per questo motivo Grosseto al centro “chiede chiarezza al nuovo Consiglio comunale e alla nuova Giunta. Vorremmo conoscere la decisione del sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna in merito a questa legittima richiesta e conoscere anche la posizione di tutti i candidati che sono stati eletti dai grossetani per amministrare la nostra città, e che siedono in Consiglio e nella Giunta comunale. Siete d’accordo con quanto deciso dall’amministrazione Vivarelli Colonna 1 che, con l’emanazione del bando in questione, affermava di fatto la volontà di sottrarre alla pubblica fruizione uno degli ultimi due lembi di spiaggia libera rimasti nel cuore della frazione? Oppure condividete la richiesta degli oltre 1.400 firmatari della petizione, favorevoli a mantenere questo spazio accessibile a tutti, per la libera fruizione di cittadini e turisti?”.

Commenti