Quantcast

#unacanzonealgiorno: la poetica di Carmen Consoli in “Ottobre”

Più informazioni su

GROSSETO – La radio passa Ottobre di Carmen Consoli.

#unacanzonealgiorno 2021

Pubblicata il 25 settembre 2015 come terzo estratto dall’ottavo album in studio L’abitudine di tornare, Ottobre è stata interamente scritta e composta da Carmen Consoli e parla di una storia omosessuale tra due ragazze nell’Italia degli anni cinquanta, nonché del disagio di doversi nascondere e del coraggio di scegliere, come spiegato dalla stessa cantante: «Non tutti condividono il disagio di chi si deve nascondere e volevo sottolineare il bivio a cui si trovano davanti le persone che vivono l’esperienza di dover fare una scelta: essere se stessi oppure adeguarsi a ciò che vogliono gli altri. Ottobre, in definitiva, parla del coraggio di scegliere».

Testo

Ottobre era il mese più dolce
i baci e le carezze sotto l’albero di limone
l’uva era la nostra refurtiva preferita, la vendemmia
una sacrosanta tradizione di famiglia.
Ottobre era il mese migliore
per scorgere i tramonti che infuocavano l’orizzonte.
Trafelate ci alzavamo e con disinvoltura
rientravamo in scena con le gote rosse ed una buona scusa.
Quel crocevia,
un’imminente decisione da prendere piuttosto che il limbo avrei scelto l’inferno
fosse stato il prezzo della libertà.
Il paradiso poteva anche attendere
fosse stato il prezzo della libertà
Lasciare tutto e accontentarsi di niente
già bastava il fatto in sé di esistere
Riaprire gli occhi e lasciarsi sorprendere…
Ottobre infinito candore
la nostra adolescenza appesa ai moti altalenanti del cuore
La fuga diventava unica e sola via d’uscita,
un tuffo al buio necessario negli abissi di una nuova vita
Quel crocevia,
un’imminente decisione da prendere
piuttosto che il limbo avrei scelto l’inferno
fosse stato il prezzo della libertà
Il paradiso poteva anche attendere
fosse stato il prezzo della libertà,
lasciare tutto e accontentarsi di niente
dare voce a una nascente identità
Il paradiso poteva anche attendere, attendere…
Il paradiso poteva anche attendere
fosse stato il prezzo della libertà,
lasciare tutto e accontentarsi di niente
dare voce a una nascente identità
Quel paradiso poteva anche attendere
Dovevamo ancora cominciare a vivere…

Fonte: Wikipedia.

Una canzone al giorno, musica e curiosità a cura de IlGiunco.net – TUTTO L’ARCHIVIO

Più informazioni su

Commenti