Quantcast

I ragazzi della Gea davanti al pubblico amico contro il Cappuccini Pontedera

GROSSETO – La Gea Basketball Grosseto debutta domenica alle 18, al Palasport di via Austria, di fronte al pubblico amico nella seconda giornata del campionato di serie D maschile, affrontando il Bellaria Cappuccini Pontedera. I ragazzi di Pablo Crudeli nell’Opening Day sul campo del Valdicornia hanno rimediato una netta sconfitta, con tutte le attenuanti del caso per essere tornati in campo dopo diciannove mesi e per una condizione ancora non ancora al top.

“Il Valdicornia ha avuto percentuali altissime – dice l’allenatore Pablo Crudeli – noi abbiamo giocato bene i primi cinque minuti, poi hanno dominato loro i trentacinque minuti rimanenti. Questa settimana abbiamo sistemato un po’ la difesa, ma sinceramente il Valdicornia ora come ora ha una squadra più completa. In attacco si sono invece viste buone cose. Allenandoci un’ora due-tre volte a settimana è difficile preparare le partite e contrastare una compagine così brava. Fisicamente siamo un po’ indietro, perché ci alleniamo poco, non avendo a disposizione gli impianti. Auspico che le cose migliorino al più presto e che il Comune ci metta a disposizione le palestre”.

In attesa di buone notizie sul fronte impianti, Furi e compagni cercheranno domenica la prima vittoria della stagione contro un avversario che, come i grossetani, ha perso la gara inaugurale sul parquet amico contro l’Oltremare Fides Livorno (55-63). Le due rivali avranno dunque buoni motivi per cercare la prima vittoria. In particolare la Gea, partita per conquistare un posto nei playoff, vuole muovere la classifica, in attesa di trovare i giusti meccanismi. I biancorossi potranno finalmente contare anche sull’apporto del pubblico, che potrà sistemarsi sulla tribuna del Palasport solo se in possesso del green pass.
Questi i convocati: Baccheschi, Bambini, Battaglini, Furi, Mari, Mazzei, Morgia, Neri, Piccoli, Ricciarelli, Roberti, Romboli, Scurti, Simonelli. Arbitreranno Cecchini di Livorno e Rosselli di Piombino.

Commenti