Quantcast

Ufficio informazioni per gli immigrati, Alviani: «Proposta imbarazzante»

AMIATA – “In occasione del consiglio dell’Unione dei Comuni di venerdì scorso, abbiamo assistito – ha dichiarato Gilberto Alviani, commissario della Lega Amiata –  alla presentazione di una mozione ad unica firma della consigliera di sinistra Giovanna Longo avente ad oggetto la possibilità di impegnare l’unione, attraverso una delibera di consiglio a chiedere al coeso l’apertura di un ufficio informazioni per gli immigrati.”

“In un momento storico come questo – afferma Alviani –  c’è chi nonostante tutto, ed incurante dei mille altri problemi che affliggono i nostri cittadini, si preoccupa di impegnare tempo e magari risorse pubbliche da indirizzare a questo tema.”

“Va da sé che in un mondo perfetto l’argomento meriterebbe anche di essere trattato ma non certo in questa fase storica.”

“La mozione quella della Longo è fuori luogo – commenta Alviani -, fuori logica, imprecisa ed imbarazzante a tal punto che la consigliera ha dovuto ritirarla dopo averla discussa.”

“Non ne possiamo più – sostiene –  di questa becera politica, di queste azioni dettate dall’alto, una mozione quella della collega pretestuosa e demagogica che ricalca in perfetto stile la politica nazionale della sinistra in genere, ed in particolar modo quella del Pd, sullo Ius soli e Ddl Zan.”

“Non abbiamo bisogno di queste idee nel nostro territorio ma di unire le proposte e le forze a sostegno dei nostri cittadini e del nostro ambiente. Questa non è la direzione giusta.”

“Sul tema mi allineo con i temi trattati dalla Consigliera Amati di Fratelli d’Italia – afferma il commissario e consigliere della Lega-, che è intervenuta in sede istituzionale criticando duramente l’iniziativa. Rimango, invece, sorpreso dall’impalpabile e banale intervento del sindaco Pd Marini che l’ha buttata sulle frasi fatte ovvero che ‘è solo colpa di coloro che in tutti questi anni hanno venduto e affittato immobili agli immigrati e che se non ci fossero loro le azienda agricole a Montalcino non vendemmierebbero.'”

“Un dialogo questo che non porta nessun frutto – prosegue -. Ad ogni modo segnalo al Sindaco Marini che a Montalcino vendemmiano ed imbottigliano dal 1967, ben prima dell’arrivo degli immigrati è solo una questione di scelta.”

“Perché – conclude Alviani – non ragioniamo su di un ufficio informazioni per i cittadini tutti, come proposto dal consigliere della Lega Salvadori? Oppure perché non chiediamo in maniera unanime al Coeso un impegno per potenziare la presenza dei medici di famiglia sul territorio?”

Commenti