Quantcast

L’Altra Follonica: cinque appuntamenti per scoprire i tesori nascosti della città

Si tratta di cinque passeggiate della durata media di 3-4 ore che porteranno alla scoperta del parco di Montioni, della Duna o delle storie che riguardano lupi e minatori

FOLLONICA – Cinque passeggiate, accompagnati da una guida ambientale escursionistica, alla scoperta di “un’altra Follonica”, quella del parco di Montioni e dei tesori naturalistici che circondano la città: a organizzare le attività, sostenute dal Comune di Follonica, è il naturalista Giacomo Radi con una serie di incontri che si terranno nei mesi di ottobre e novembre.

Una rinnovata coscienza ecologica si è fatta strada tra i cittadini con l’avvento della pandemia di Covid-19. In moti è stata evidente la voglia di instaurare un rinnovato contatto con la natura e, in questo, Follonica ha il grande vantaggio di essere circondata dal mare e dalla campagna. Il progetto presentato da Radi vuole portare alla sensibilizzazione su ampia scala, in modo da portare i cittadini a conoscere ciò che li circonda, anche in città, sviluppando un certo grado di consapevolezza per apprezzare e godere la natura del territorio che li circonda. L’assessora all’ambiente Mirjam Giorgieri e l’assessora alle politiche culturali Barbara Catalani hanno organizzato le attività per offrire alla cittadinanza una serie di incontri che porteranno, via via, a scoprire quella Radi ha definito «l’altra Follonica».

«Si tratta di un bellissimo progetto – dice l’assessore Mirjam Giorgieri – portato avanti insieme dal settore ambiente e cultura e nasce da una proposta dal naturalista Giacomo Radi perché il nostro territorio non è solo mare ma vive di una grande biodiversità.
«Ogni progetto di conoscenza è un progetto di cultura – aggiunge infatti l’assessore Barbara Catalani -. È vero che si tratta di un progetto ambientale, ma allo stesso tempo possiamo dire che è culturale»

«La cultura viene spesso separato dall’ambiente – dice il naturalista Giacomo Radi -, ma è un’idea da cui dobbiamo allontanarci».

La prima uscita dal titolo “lungo il fiume” si svolgerà domenica 10 ottobre lungo il percorso fluviale di Valli. La mattinata sarà dedicata alla scoperta della biodiversità del fiume, partendo dal centro urbano per arrivare in piena campagna. La seconda uscita, prevista per il 24 ottobre, si svolgerà invece nel parco di Montioni, alla Pievaccia, alla scoperta della foresta mediterranea. La terza uscita, il 31 ottobre sarà dedicata all’ecosistema Duna di Pratoranieri, un ambiente spesso sottovalutato ma dall’importante valore conservazionistico. Il 14 novembre si prosegue con la visita al Poggio tre Cancelli, con storie di Lupi e minatori al Parco di Montioni. La passeggiata sarà accompagnata da un percorso nella splendida cornice dell’area protetta, tra le prime riserve naturali integrali istituite in Italia. Percorrendo il sentiero nel bosco tra storia e natura verrano controllate davanti ai cittadini le foto-trappole posizionate nei giorni precedenti per narrare le storie notturne di questo angolo di Maremma. La quinta uscita, prevista per il 28 novembre è dedicata invece all’Autunno nel bosco e si svolgerà nel parco di Montioni. Si tratta di un’uscita dedicata alle peculiarità autunnali del bosco: dagli arbusti che fruttificano in questo periodo dell’anno all’esplosione di funghi nel sottobosco.

Il museo Magma, tramite la cooperativa Zoe, si occuperà delle prenotazioni, per un massimo di 30 partecipanti per ogni passeggiata, al numero 056659027 o alla mail frontoffice@magmafollonica.it Ogni visita inizierà alle 9 del mattino e sarà necessario presentarsi con abbigliamento comodo, scarpe da trekking o da escursionismo. Ogni passeggiata, che avrà una lunghezza media 3 chilometri, durerà circa 3/4 ore. Si raccomanda l’abbagliamento idoneo.

Commenti