Quantcast

Cesario e Guarriello: «A Castiglione carenza cronica di parcheggi. Navetta e app dedicata»

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – “Quello dei parcheggi, e delle aree di sosta in genere, è un problema molto sentito da tutti i castiglionesi. Non soltanto nel periodo estivo quando, con l’incremento delle presenze turistiche, raggiunge sicuramente il suo acme” Alfredo Cesario e Alessia Guarriello per la lista W Castiglione.

“La carenza cronica di posti auto, d’altra parte, si fa sentire in ogni momento dell’anno, diventando un elemento fortemente penalizzante per chi vive Castiglione da cittadino ed ha bisogno di spostarsi da un punto all’altro del paese, anche solo per sbrigare semplici commissioni domestiche. Ad oggi gli unici posti riservati ai residenti risultano quelli dell’ultima fila di Piazza Ponte Giorgini, la piazza dedicata anche al mercato settimanale del sabato mattina (che di fatto impedisce la sosta dei mezzi il venerdì sera)”.

“La soluzione proposta dall’attuale amministrazione prevede di applicare uno sconto sull’abbonamento mensile per i parcheggi a pagamento, portando a 70 euro, la tariffa anziché  95 euro come previsto per i non residenti. Per un totale di 840 euro come spesa annua. E questo solo per poter parcheggiare comodamente, e senza commettere infrazioni, all’interno del comune dove si risiede!” prosegue il candidato sindaco Cesario.

“E chiaro che questo non possa bastare e che si renda necessario ripensare e rivedere totalmente il piano parcheggi. Il tutto partendo da un’attenta mappatura delle zone in cui la domanda di posti è nettamente superiore all’offerta, al fine di individuare soluzioni che prevedano la realizzazione di nuovi spazi di sosta destinati ai residenti. Tutto questo tenendo ovviamente conto dei posti riservati ai portatori di handicap e alle donne incinte. Posti che andranno sensibilmente incrementati soprattutto nei pressi del centro storico dove il transito è prevalentemente pedonale”.

“Per rendere gestibile il flusso di presenze durante l’estate si dovranno non solo individuare nuove aree periferiche di sosta, da connettere con il centro urbano estendendo il servizio navetta su più tratte di percorrenza, ma si dovranno anche implementare soluzioni digitali che consentano, all’automobilista, di conoscere in anticipo le disponibilità di posti liberi e, dunque, di variare il suo itinerario sulla base di quelle. Ciò consentirebbe di decongestionare le vie centrali che, puntualmente, diventano punto di convergenza obbligato da parte di coloro che vengono da fuori e cercano parcheggio per trascorrere, specialmente il fine settimana, qualche ora di svago in paese” continua la nota.

“Le soluzioni digitali, come quella di un’App dedicata, andranno estese anche alle frazioni, dando così forma ad un sistema gestionale unico ed integrato. Il quale dovrà consentire di effettuare pagamenti direttamente da Smartphone, o con carta di credito, di prolungare il tempo di sosta in remoto (senza cioè bisogno di recarsi sul mezzo per inserire un nuovo tagliando) e di assegnare spazi dedicati alle attività (commerciali, ricettive, balneari e di ristorazione), consentendo a queste ultime di offrire servizi avanzati alla loro clientela, come ad esempio la possibilità di riservare preventivamente spazi di sosta e assegnarli automaticamente attraverso il sistema di geolocalizzazione. Apportando un sostanziale miglioramento alla politica di gestione dei parcheggi, otterremmo così come effetto diretto benefici diffusi sia sull’accessibilità del paese che sulla sua vivibilità”.

Commenti