Quantcast

I sanitari “no vax” saranno sospesi. Partite le prime lettere. In Toscana sono 4500 persone

FIRENZE – Il presidente della Toscana, Eugenio Giani, tramite i suoi canali social ha annunciato un intervento che aveva già anticipato nei giorni scorsi.

Stanno, infatti, partendo le lettere di sospensione per gli operatori sanitari “no-vax”, ovvero tutti coloro che lavorano nelle strutture sanitarie e non si sono sottoposti alla vaccinazione Covid-19.

In Toscana si tratta di circa 4.500 persone.

«Chi non intende vaccinarsi non può prendersi cura degli altri» è il commento del presidente Giani.

Una questione che da tempo tiene banco non solo in Toscana, ma in tutta Italia. Come previsto dalle recenti normative però in caso di persone che lavorano nella sanità e che si rifiutano di fare il vaccino, c’è la possibilità di sospensione. La decisione di sospendere i lavoratori senza copertura vaccinale ha già riguardato altri Regioni e altri territori. Secondo una stima recente sono circa 45mila in tutta Italia.

Commenti