Quantcast

Si chiude “Aspettando Orbetello Book Prize”: «Un grande successo di pubblico»

ORBETELLO – Pubblico entusiasta e numeroso. Si è conclusa venerdì scorso, la rassegna Aspettando Orbetello Book Prize presso i Giardini Chiusi di Orbetello registrando un evidente successo.

La cornice dei Giardini Chiusi e il palco arredato in ogni dettaglio dal centro commerciale naturale di Orbetello e dal vivaio Il Pitorsino hanno contribuito all’ottima riuscita della rassegna, con un’accurata ed elegante scenografia che ha saputo valorizzare un programma d’eccellenza e un presentatore d’eccezione, Edoardo Purgatori, attore, che per l’occasione ha saputo reiventarsi e accogliere, da vero padrone di casa, ogni ospite e condurre con piglio e simpatia ogni incontro creando per ciascuno l’atmosfera più opportuna.

“E’ stato un onore e un piacere per me – ha dichiarato Purgatori, quando si è conclusa la rassegna – presentare Aspettando Orbetello Book Prize. Il successo della manifestazione è frutto della passione e dell’impegno di tutta l’organizzazione. A mio avviso – ha aggiunto – il messaggio più importante è per la cultura: è necessaria e non si deve fermare. Ci vediamo l’anno prossimo, con ancora più entusiasmo, per il premio Internazionale Orbetello Book Prize”.

Sarà infatti Edoardo Purgatori a condurre la Prima edizione del Premio letterario “Orbetello Book Price – Maremma Tuscany Coast”, la cui rassegna di quest’anno ne è stata solo una costola.

Sul palco, insieme al conduttore, autori, autrici e relatori sia conosciuti dal grande pubblico che esordienti ben accolti. Due appuntamenti per ogni serata. Differenti i temi di discussione: dal memoir all’autobiografia, dall’etica al viaggio. E anche, storie di resilienza, di donne che scelgono di cambiare la propria vita, dell’incomunicabilità tra generazioni, di padri che fuggono e figli che restano.

Ha aperto il ciclo di incontri Giovanni Gusai con il suo esordio letterario Così in cielo, così in mare – Sem – intervistato da Sabina Castelfranco, giornalista. Ritanna Armeni ha presentato Per strada è la felicità – Ponte alle Grazie, intervistata del noto Pierluigi Battista, giornalista.

Nella seconda giornata, Filippo Nassetti, giornalista, ha presentato il suo romanzo Molte aquile ho visto in volo. Vite straordinarie di piloti – Baldini+Castoldi con Pierluigi Pardo e una frizzante Margherita Buy. Per la saggistica, unico appuntamento e molto partecipato con Mario De Caro, che ha presentato il suo ultimo libro Le sfide dell’etica – Laterza (scritto con Sergio Filippo Magni e Maria Silvia Vaccarezza) intervistato da Eugenio Bellini, attore ed Edoardo Purgatori.

Risate, ricordi e tanta musica per l’incontro con Luca Barbarossa, nell’ultima serata della rassegna, che insieme a Mimma Gaspari Golino ha presentato il suo libro Non perderti niente, la storia avvincente della sua vita, edito da Mondadori. E, in chiusura, Guido Maria Brera ha presentato Candido (La nave di Teseo) intervistato da Giancarlo Leone, giornalista e manager.

Eugenio Bellini sul palco ogni serata ha accompagnato gli autori e i loro libri con le letture.

“E’stato un grande successo – ha dichiarato il Sindaco di Orbetello, Andrea Casamenti – Voglio ringraziare gli organizzatori Andrea Zagami e l’assessore Maddalena Ottali per l’ottimo lavoro. Proprio lei – ha anche detto – ha da subito creduto in questa manifestazione, individuando i Giardini Chiusi come ubicazione più idonea e ha portato avanti una collaborazione che sta dando risultati davvero positivi e creando grande entusiasmo nella nostra comunità. Come amministrazione – ha concluso Casamenti – stiamo dando una nuova veste ai Giardini Chiusi. Abbiamo realizzato la nuova recinzione e a breve i giardini chiusi saranno illuminati con 24 pali a led. Potranno così diventare un vero Parco della Lettura”.

“Sono molto orgogliosa di questa edizione di Aspettando Book Prize – ha detto Maddalena Ottali, assessore al Commercio, Turismo, Cultura – sia in termini di partecipazione che di apprezzamento da parte dei cittadini. Non poteva che finire al meglio – ha aggiunto – con il messaggio di speranza dato da Guido Maria Brera per la ripresa economica del paese. Ho investito molto per questa rassegna perché ho la convinzione che solo la cultura potrà salvarci e renderci migliori. Il mio grande sogno – ha concluso – è dare seguito agli auspici di Casamenti e realizzare al più presto il Parco della Lettura. Voglio ringraziare tutte le associazioni che hanno sposato un progetto che ha l’ambizione di essere anche del territorio, perché solo insieme si può fare molto e raggiungere ottimi risultati”.

“Siamo già al lavoro per la prima edizione del Premio Internazionale – ha dichiarato Andrea Zagami, amministratore Unico di Zigzag – A settembre è già in programma una nuova riunione con il Gruppo di lavoro, che è stato prezioso per l’organizzazione di questa rassegna. Gli annunci del sindaco Casamenti e dell’assessore Ottali sui prossimi lavori per restaurare i Giardini Chiusi sono il miglior viatico per il nostro lavoro e offrire all’intera comunità di Orbetello un Premio Letterario internazionale e un’iniziativa unica nel suo genere per la lettura come il Parco della Lettura ed il Premio internazionale. Orbetello – ha concluso Zagami – e la sua fantastica laguna meritano iniziative di qualità per rispondere alle aspettative della collettività e di un turismo sempre più esigente”.

La rassegna letteraria Aspettando Obp è stata organizzata, nell’ambito del Premio letterario “Orbetello Book Prize, Maremma Tuscany Coast.

Aspettando Obp è stata promossa e organizzata dal Comune di Orbetello – Assessorato al Commercio, Turismo, Cultura, guidato da Maddalena Ottali, con l’obiettivo di aggregare la comunità dei lettori di Orbetello e dei Comuni limitrofi per coinvolgerli nella costruzione del primo Premio letterario internazionale della Maremma (Obp – Orbetello Book Prize- Maremma Tuscany Coast) che, nato nel 2019, non ha ancora potuto vedere la luce nella sua formula internazionale a causa della pandemia da Covid 19. La prima edizione di OBP si terrà nell’estate del 2022 e sarà un Premio rivolto agli autori italiani presenti sul mercato internazionale. Ogni anno ospiterà anche un grande scrittore straniero a cui riserverà un vero e proprio tributo pubblico, organizzato insieme all’editore italiano che lo pubblica nel nostro Paese.
Nei Giardini Chiusi di Orbetello il Parco della Lettura avrà numerose aeree dedicate a diverse attività. Oltre all’area destinata agli incontri, ci sarà un corner dedicato alla lettura di libri per bambini e una zona adibita alle letture di gruppo. È inoltre prevista la creazione di un’aula a cielo aperto per mini corsi di lettura e di un’area open destinata alle autopresentazioni di autori alla prima opera.
Anche il brand di Orbetello Book Prize, ideato e realizzato dal graphic design Franz Goria, riprende fedelmente i motivi ornamentali della recinsione in ghisa dei Giardini Chiusi, ossia l’estremità delle colonnine a forma di lancia.

Il coordinamento organizzativo di Aspettando Obp è a cura dell’Agenzia di Comunicazione Integrata Zigzag diretta da Andrea Zagami. Partner della manifestazione sono il Ccn (Centro commerciale Naturale di Orbetello), Conad, il gruppo turistico Gitav, i ristoranti I Pescatori e la Stazioncina, il vivaio Il Pitorsino e l’Associazione Trait d’union Onlus.
L’organizzazione della Rassegna è stata supportata da un Gruppo di lavoro di cui fanno parte oltre agli operatori della biblioteca comunale Lorena Manini e Silvia Simonini, Giorgio Razzoli della Libreria Bastogi di Orbetello, Federico Santi e Martina Aldi della Pro Loco di Orbetello, Federico e Chiara Quatraro della libreria Periferica di Albinia. Giorgio Marri dell’Associazione Talaris, Riccardo Bruni, Silva Gentilini, Irene Lizzulli, Maurizio Vichi ed Elena Guerri Dall’Oro.
Preziosa la collaborazione dell’Amministrazione comunale. In particolare quella di Elena Guarino, Alessandra Mei, Marco Quaglia e della Polizia municipale.

Per maggiori informazioni: http://www.orbetellobookprize.it/

Commenti