Quantcast

Il sindaco: «Molti camper e auto dal rave party a Magliano. Sono preoccupato»

MAGLIANO IN TOSCANA – “Camper e auto sul territorio provenienti dal rave party concluso nel viterbese stanno affollando il territorio di Magliano in Toscana, sono fortemente preoccupato e chiedo la massima attenzione alle autorità competenti”. Così il sindaco di Magliano in Toscana Diego Cinelli nel momento in cui molti dei partecipanti al rave party che si è svolto in riva al Lago di Mezzano, a poca distanza dal confine di toscano, si stanno riversando in Maremma.

“I turisti presenti sul territorio sono in allarme – afferma Cinelli – e così anche molti esercenti locali e cittadini. Purtroppo molte di queste persone sono in evidente stato di alterazione. Mi unisco ai sindaci di Pitigliano, Sorano e Manciano che per primi hanno denunciato il disagio che stavano vivendo, e con cui solidarizzo, a causa dei danni che questo tipo di eventi creano all’immagine ed alla quiete del territorio. Spero che non si registrino anche a Magliano le stesse ripercussioni con turisti in fuga. Già siamo in un periodo difficile, in cui le nostre strutture stanno rialzando la testa, ritrovarci con decine di auto e di camper con gente ‘sbandata’, perché non saprei definirla altrimenti, è inconcepibile, anche perché il rischio è di ritrovarseli sulla costa”.

“Mi viene riferito che da giorni girasse sul web e sui social l’organizzazione di questo evento – afferma il sindaco di Magliano -. Si sono occupati abusivamente dei terreni con dei tir che su quelle strade non passano certo inosservati. Sono arrivate migliaia di persone, che evidentemente sapevano dove sarebbero dovute andare, possibile che nessuno al di là del confine toscano si sia preoccupato di fermare questo evento? Tra l’altro mi risulta anche che all’azienda di Piero Camilli siano stati fatti numerosi danni, compresi alcuni animali morti, che si uniscono a quelli da compagnia portati sul posto dai partecipanti. A leggere il resoconto di quanto avvenuto c’è ma mettersi le mani nei capelli e pensare che alcune centinaia di persone potrebbero sostare sul territorio di Magliano mi preoccupa ed anche molto. Per quanto mi compete farò di tutto per evitare che il territorio che amministro possa subire danni”.

Commenti