Quantcast

Controlli in aria e in mare: accertamenti della Finanza sulle barche con bandiere ombra

GROSSETO – Ferragosto “bollente” quello appena trascorso, con uno straordinario numero di turisti, mezzi e imbarcazioni sull’Argentario e sulle Isole del Giglio e di Giannutri. Le Fiamme Gialle hanno quindi predisposto una serie di attività “integrate”, al fine di fornire massima attenzione a questo delicato contesto territoriale-paesaggistico, impiegando sia personale di terra della Tenenza di Porto Stefano, sia gli assetti aeronavali (vedette) della locale Sezione Operativa Navale che (elicottero) della Sezione Aerea di Pisa, il tutto coordinato dal Comando Provinciale di Grosseto e dal Reparto Operativo Aeronavale di Livorno.

Diverse le missioni operative “integrate”, che hanno visto l’impiego di oltre 20 militari di tutti i reparti menzionati, sia di giorno che di notte.

Le linee operative seguite hanno puntato principalmente su due aspetti: individuare ed approfondire elementi di polizia economico-finanziaria riguardanti imbarcazioni con bandiere “ombra” straniere ovvero natanti “sospetti” per stupefacenti/contrabbando; verificare la possibile presenza di abusi e irregolarità in danno dello splendido ma delicato ecosistema della zona.

Per quanto riguarda il primo profilo, l’attenzione è stata posta sul cd. fenomeno delle imbarcazioni battenti “bandiere ombra”, ossia immatricolate in Stati con regimi fiscali “agevolati”, ma che molto spesso costituiscono un mero artificio per evitare di pagare le tasse dovute in Italia; diversi gli elementi acquisiti ai quali ora seguiranno approfondimenti economico-finanziari. Ulteriori controlli sono stati fatti anche ad imbarcazioni che, per modalità ed altri elementi di contesto (navigazione notturna), potevano apparire “sospette”; nel corso degli accertamenti in mare non sono emerse alcune violazioni ed anzi, in un paio di casi, gli equipaggi dei diportisti hanno apprezzato e ringraziato per il controllo e la presenza in mare delle vedette del Corpo.

Con riferimento invece alla tutela del territorio, anche grazie al fondamentale ausilio aereo dell’elicottero, i militari hanno sviluppato alcuni input info-operativi e segnalazioni riguardanti i litorali costieri. Al momento non sono state ravvisate irregolarità, ma l’insieme delle informazioni verrà ora ulteriormente analizzato in un’attività di back-office.

Particolarmente significativo, a testimonianza della collaborazione tra Istituzioni, è stato l’incontro avvenuto sull’Isola del Giglio tra il sindaco, Sergio Ortelli, l’equipaggio dell’elicottero HH412B ed il Colonnello Cesare Antuofermo, comandante provinciale di Grosseto. Il primo cittadino ha tenuto a salutare personalmente i militari in servizio a Ferragosto, ringraziandoli e partecipando l’apprezzamento dei cittadini per le attività di controllo e tutela anche sulle isole minori.

Commenti