Quantcast

Verso un centro termale alla ex cava Buca dei Lucchesi

Il consiglio comunale ha approvato la proposta di stipula di convenzione tra il Comune di Grosseto e la Terme di Maremma S.r.l.

GROSSETO – Il consiglio comunale ha approvato la proposta di stipula di convenzione tra il Comune di Grosseto e la Terme di Maremma S.r.l., società che intende procedere alla realizzazione del centro turistico termale della ex cava Buca dei Lucchesi, mediante un progetto convenzionato.

Il progetto convenzionato si riferisce all’intervento edilizio contenuto nell’attuale regolamento urbanistico che prevede la realizzazione di un centro termale costituito da un albergo, con ristorante e locali destinati a spa e centro benessere, oltre a due piccole depandance, mentre gli edifici esistenti saranno ristrutturati ed inseriti nel nuovo complesso come “accettazione” e “guardianaia”.

La società, inoltre, assumerebbe l’obbligo di realizzazione di una pista ciclopedonale collegante l’area interessata dall’intervento con il centro abitato di Roselle.

“Prosegue il percorso di riqualificazione della frazioni che ritornano al centro della nostra azione politica, iniziato con l’abbattimento dell’ecomostro di Roselle – commenta il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna -. La nostra missione sin dall’inizio del mandato, è stata di essere più vicini alle frazioni con opportunità di crescita turistica ed economica che si concretizzano, in questo caso, nella realizzazione di un nuovo centro termale, sfruttando le ricchezze naturali del nostro territorio”.

“Un ulteriore passo verso lo sblocco di un intervento che ha radici profonde e lontane nel tempo – commenta l’assessore all’urbanistica Fabrizio Rossi – con la riqualificazione ed il recupero delle cave di Roselle, come la scheda urbanistica prevedeva: si inizia a vedere la luce e l’intervento oggetto della convenzione sarà veicolo di grandi investimenti, posti di lavoro e incremento del turismo. L’aver completato l’iter amministrativo di questo importante progetto convenzionato tra comune e società privata apre prospettive nuove del termalismo a Roselle che, insieme alle prossime scelte da attuare negli strumenti urbanistici, garantirà alla frazione di diventare un polo termale di attrazione che non ha nulla da invidiare alle blasonate località presenti nel nostro territorio”.

Commenti