Quantcast

Minoranza diserta il consiglio, Pianelli: «Pd incapace e approssimativo»

ORBETELLO – «Quando si pensa di averle viste tutte, il Pd orbetellano riesce sempre a stupire in quanto a incapacità e approssimazione».

L’assessore Michele Pianelli interviene sul consiglio comunale di oggi 30 luglio, in cui sono state approvate le nuove tariffe dei rifiuti.

«Il punto è stato affrontato per approfondimenti preventivamente nella commissione consiliare di martedì 27 – spiega l’assessore -. Seduta effettuata in videoconferenza, come ormai la quasi totalità degli incontri pubblici in tempo di pandemia. Alla seduta non ha potuto partecipare la funzionaria dell’ufficio tributi, essendo in malattia, quindi le domande di chiarimento del consigliere Luca Aldi, sono state rivolte al sindaco Andrea Casamenti, in quanto titolare delle deleghe di bilancio e tributi. Le questioni esclusivamente di natura tecnica sono state verbalizzate e rigirate al funzionario, il quale punto per punto ha fornito le relative risposte , nonostante fosse sempre in malattia e potesse astenersi dal farlo. Il tutto, con le tabelle ufficiali, è stato girato al consigliere Aldi il giorno prima del Consiglio, annunciando l’invio sulla casella di posta elettronica personale del comune, tramite un messaggio privato».

«Con stupore – prosegue Pianelli -, la mattina odierna del consiglio leggo la risposta al messaggio, in cui ci si lamenta della mancata ricezione delle risposte e del fatto che le tabelle esplicative non siano uguali nella impostazioni a quelle degli anni precedenti, perché prive di valori medi. Astenendomi da ogni commento sull’argomento di matematica elementare , risolvibile da qualunque alunno della scuola primaria, il consigliere Aldi continua rispondendo di non sapere nemmeno di avere una casella di posta personale del comune, manco avesse fatto l’assessore e non fosse più di dieci anni che occupa la sedia in consiglio comunale. Capendo da questo episodio molte cose su incapacità e inefficienza della precedente giunta Pd, sconsolato ho rigirato tutto il materiale anche sulla mail di lavoro del consigliere Aldi, pur non essendo tenuto a conoscerla, e, visto il livello, anche per whatsapp, per non lasciare nulla al caso».

Commenti