Quantcast

Patologie gravi e la riabilitazione della nutrizione: a Grosseto assistiti 120 pazienti

Più informazioni su

GROSSETO – Lo scorso anno nel territorio della Usl Tse sono stati trattati quotidianamente in nutrizione enterale domiciliare 411 pazienti di cui 159 ad Arezzo, 138 a Siena e 114 a Grosseto. A questi si aggiungono altri 35 pazienti in parenterale: 18 ad Arezzo, 11 a Siena e 6 a Grosseto.

“La Uosd di Nutrizione Clinica – ricorda il Direttore Emanuele Ceccherini – segue prevalentemente pazienti con patologie neurologiche come esiti di ictus, malattie degenerative croniche del sistema nervoso centrale (Parkinson, Sla) che presentano disturbi nella deglutizione (disfagia) e pazienti con patologie neoplastiche che necessitano di supporto nutrizionale durante la chemio e radioterapia oppure pazienti con esiti di gravi interventi chirurgici con alterazioni anatomo funzionali del tratto digerente e naturalmente anche pazienti Covid 19.
Nei casi più gravi nei quali il paziente non può alimentarsi per bocca si ricorre alla nutrizione artificiale enterale attraverso “sonde naso gastriche” o “gastrostomie” e disgiunostomie cioe posizionate nello stomaco o digiuno.
Nei casi in cui l’apparato digerente non sia adeguatamente funzionante – sottolinea Ceccherini – si ricorre alla nutrizione parenterale cioè l’infusione in una grande vena di soluzioni nutrizionali, questa metodica molto complessa per la possibilità di complicanze settiche e metaboliche richiede molta attenzione nella gestione domiciliare e dei professionisti coinvolti”.

La Rete di Nutrizione Clinica e della Uosd di Nutrizione Clinica è afferente al Dipartimento di Medicina Interna, delle specialistiche e della riabilitazione diretto da Massimo Alessandri.

“La nostra – conclude Ceccherini – è una materia multidisciplinare e si avvale di medici, dietisti, biologi nutrizionisti ed infermieri ha sedi presso gli ospedali San Donato di Arezzo, Misericordia di Grosseto, gli Ospedali di Nottola, Campostaggia, e Orbetello oltre che sulla Zona Distretto di Siena, mentre presso gli Ospedali di Castel del Piano, Abbadia San Salvatore, della Gruccia in Valdarno e della Valtiberina a Sansepolcro sono garantiti ambulatori. La Rete è multidisciplinare: un approccio con tanti professionisti che prendono in carico il paziente per periodi anche lunghi. Un impegno che garantisce risultati importanti”.

Ecco il percorso del paziente
Il dietista effettua le prime valutazioni (siano esse in regime ambulatoriale che di degenza), visite domiciliari in team con infermiere e predispone l’intervento di nutrizione artificiale personalizzato (supplementazione orale o nutrizione enterale) e ne monitora nel tempo l’efficacia e l’accettabilità da parte dei pazienti anche in telemedicina, inoltre possiede anche conoscenze gestionali necessarie alla corretta attivazione dei percorsi di erogazione della NAD, del suo monitoraggio e capacità comunicative necessarie a confrontarsi con pazienti che non si alimentano più per bocca e i loro caregivers a domicilio.
Gli operatori professionali della riabilitazione logopedisti garantiscono, attraverso la Riabilitazione funzionale competente per territorio, la partecipazione ai team multiprofessionali per la valutazione della disfagia, patologia di grande importanza da un punto di vista epidemiologico in quanto esito di malattie acute neurologiche e croniche.

Più informazioni su

Commenti