Quantcast

Polisportiva Barbanella Uno d’Eccellenza agli Italiani di federazione: tutti i risultati delle giovani grossetane

GROSSETO – Rimini da incorniciare per la Polisportiva Barbanella Uno alle finali nazionali silver di tutte le categorie di federazione. In evidenza soprattutto Eleonora Rossi, che al primo giorno di gare ha nuovamente trionfato nella categoria eccellenza 3 attrezzi conquistando il titolo Italiano senior.

La diciassettenne Eleonora da tempo eccelle sia a livello regionale che nazionale e anche in questa occasione, nonostante l’alto numero delle partecipanti e l’elevato livello di preparazione delle avversarie, è riuscita con una gara perfetta a salire nuovamente sul tetto d’Italia e a conquistare anche la finale di specialità in tutti gli attrezzi; per lei anche la medaglia d’argento al corpo libero.
L’eccellenza è il livello più alto del programma silver: le ginnaste eseguono esercizi alla trave alta, al volteggio con la tavola e al corpo libero sul quadrato seguendo le norme del codice internazionale dei punteggi e sempre in questa categoria la squadra composta da Eleonora Rossi, Martina Pecci, Margherita Vanelli e Alessia Marcelli, dopo aver vinto il titolo Italiano già nel 2017 nella 1° divisione e nel 2019 nella Categoria eccellenza, si è riconfermata campione d’Italia anche nel 2021.

Dopo una grande prova di qualificazione che aveva portato le ginnaste della Polisportiva Barbanella Uno al vertice della classifica parziale, durante la gara finale si sono superate, staccando le avversarie di oltre 4 punti.
A livello individuale Martina ha conquistato il quinto posto nella finalissima di specialità al corpo libero mentre Alessia e Margherita si sono classificate al sesto a parimerito nella finale al volteggio.
Ottime anche le prestazioni di Petra, Elena e Alice che sono salite sul podio nelle loro categorie di gara.
Nella 3° divisione allieve 1 (9 anni) la piccola Petra Parmesani, alla sua seconda gara della vita e al suo esordio in un campionato nazionale, dopo aver vinto il campionato regionale a Maggio è salita sul terzo gradino del podio con una prova da incorniciare. Stesso risultato anche per Elena Carlettini nella 1° divisione categoria Junior 2 (14anni) che conquista anche la medaglia d’argento alla trave nella finalissima di specialità; bronzo anche per Alice Esposito sempre nella 1° divisione categoria junior 3 ( 15 anni).

Tanti i quarti posti conquistati dalle altre compagne di squadra: Anna Marcelli sfiora la medaglia di specialità sia al volteggio che al corpo libero e Alice Esposito e Elena Carlettini al corpo libero.
Quinto piazzamento nella Serie D per la squadra di 3 ° divisione allieve composta da Greta Conti, Greta Burgassi, Rachele Agresti, Mia Fontanelli Corbini, Chiara Minelli e Alice Frosi: nonostante un piccolo infortunio accaduto poco tempo fa a Greta Conti che ha sicuramente compromesso la formazione della squadra, le piccole atlete hanno sfoderato una bella grinta avvicinandosi molto alle prime posizioni.
Ottave Elena Carlettini, Alice Esposito, Naike Venturi e Anna Marcelli nella serie D di 1° divisione a squadre recuperando dalla dodicesima posizione.

Ottime anche se un po’ compromesse anche a causa di un altro piccolo infortunio le prove delle atlete della 2° divisione: Giulia Cane’, Sofia Biagiotti, Linda Zambernardi e Ginevra Chechi chiudono la gara di serie D a squadre al 15° posto su comunque circa 70 squadre partecipanti.
E infine ottima la prova della serie D a squadre di 3° divisione junior: Matilde Bentivoglio, Melania Santini, Ambra Conti e Benedetta Campomori al termine delle qualificazioni si classificano al tredicesimo posto ad un soffio dalla finalissima a 12 squadre.
Grande l’entusiasmo da parte dello staff, dei dirigenti, degli atleti e dei genitori della Polisportiva Barbanella Uno i per i risultati ottenuti da tutte le atlete, che hanno retto benissimo il ritmo di gara; nonostante la stanchezza e le condizioni fisiche purtroppo non ottimali queste giovani ginnaste si sono messe a disposizione delle loro squadre apportando anche un valido contributo.

Commenti