Quantcast

Nasce la nuova arena concerti sulle Mura: a Grosseto partono i lavori fotogallery

Più informazioni su

GROSSETO – Sono iniziati oggi i lavori che porteranno lo storico bastione della Cavallerizza sulle mura medicee a diventare un parco punto di riferimento per le famiglie e per i più giovani, grazie all’adesione del Comune di Grosseto e dell’Istituzione Le Mura, in qualità di partner, con il progetto “Ciel’in città” al bando ‘Un passo avanti’, un progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile che vede la cooperativa Uscita di sicurezza come capofila di un partenariato pubblico-privato.

Il primo intervento, per un valore totale di 110mila euro, prevede la messa in sicurezza e la valorizzazione del bastione tramite lavori di riqualificazione della pavimentazione e delle gradinate presenti nell’arena con materiale ecosostenibile e la realizzazione di ringhiere di sicurezza in corrispondenza dei parapetti. A regolamentare l’accesso al bastione saranno installate tre cancellate in ferro, così da proteggere la zona da eventuali atti di vandalismo.

Saranno inoltre realizzate opere di canalizzazione per l’acqua potabile e impianti elettrici, cavi per la fornitura di energia elettrica, cavidotti e tubazioni a servizio dell’area che in futuro sarà dedicata agli spettacoli.

“Si compie oggi il primo passo di un percorso che porterà uno dei bastioni simbolo delle nostre splendide mura medicee a ripopolarsi grazie all’attivazione di percorsi in grado di avvicinare i giovani alla cultura – afferma il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna – Con gli interventi partiti oggi creiamo i presupposti per dare gambe al più ampio progetto che vuole coltivare il diritto dei più piccoli ad avere un’istruzione e a coltivare le proprie passioni, restituendo alla comunità un luogo storico che assume ora un valore sociale ancora più evidente.”

“L’inizio dei lavori di riqualificazione della Cavallerizza è frutto di una visione lungimirante da parte dell’Amministrazione comunale – affermano gli assessori Luca Agresti, vice sindaco ed assessore con delega alle Mura medicee, Riccardo Ginanneschi, assessore con delega al Reperimento finanziamenti straordinari, e Riccardo Megale, assessore con delega ai Lavori pubblici – Per strappare il bastione dall’incuria non basta valorizzare l’area, ci vuole un progetto complessivo a lungo termine che includa percorsi adatti ai cittadini, soprattutto quelli del futuro. E noi ce l’abbiamo: un ringraziamento di cuore va quindi alla cooperativa Uscita di Sicurezza che contribuirà a promuovere progetti didattici dedicati ai più giovani e all’istituzione Le Mura che tanto sta facendo per la cura del monumento che più di tutti definisce l’identità di Grosseto.”

“Con l’avvio dei lavori alla Cavallerizza si fa un altro passo avanti nell’ambito del progetto ‘Ciel’in città’ che curiamo e che mette in rete Grosseto, Massa e Prato – Luca Terrosi, presidente della cooperativa Uscita di Sicurezza -, con l’obiettivo di contrastare, attraverso l’arte e socializzazione, la dispersione scolastica e il disagio dei minori e delle loro famiglie”.

“Siamo particolarmente orgogliosi di questo risultato che, attraverso un percorso educativo e formativo dedicato ai bambini – commenta Alessandro Capitani, presidente dell’istituzione Le Mura -, riuscirà a restituire alla fruizione un luogo così suggestivo e caro alla memoria di tutti i grossetani”.

*Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org.

Più informazioni su

Commenti