Quantcast

Evade 50mila euro facendo fatture false: imprenditore grossetano nei guai

La Guardia di Finanza ha sequestrato all'imprenditore beni immobili (uffici ubicati in Grosseto) per un valore di 50mila euro

GROSSETO – La Guardia di Finanza di Grosseto, a seguito di provvedimento di sequestro preventivo disposto dal locale Tribunale, ha sequestrato immobili per un valore di 50mila euro appartenenti ad un imprenditore maremmano che ha utilizzato fatture per operazioni inesistenti.

La vicenda origina da un’indagine svolta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Grosseto nell’ambito di un’ampia frode finalizzata ad evitare il corretto pagamento delle imposte (sia Irpef che Iva) in annualità, peraltro ben precedenti al periodo pandemico (ossia nel 2014 e 2015).

Gli accertamenti hanno consentito di riscontrare come la ditta individuale dell’imprenditore grossetano, operante nel settore delle pulizie (e già condannato per reati fiscali), abbia utilizzato molteplici false fatture emesse da un’altra impresa della provincia. In dettaglio, l’annotazione dei costi fittizi nelle dichiarazioni reddituali, documentati con fatture false per complessivi circa 100mila euro, ha permesso all’impresa di pulizie – sottoposta a suo tempo a controllo fiscale – di evadere in totale 50mila euro tra Irpef ed Iva, realizzando un illegittimo vantaggio fiscale.

A seguito delle indagini svolte dalla Fiamme Gialle, la Procura della Repubblica ha proposto il sequestro di beni – il cosiddetto “sequestro preventivo per equivalente” ai sensi degli articoli 321 del codice di procedura penale e 12bis del D.Lgs. 74/2000 – per garantire la pretesa erariale; il gip ha quindi emesso il relativo provvedimento cautelare, la cui esecuzione è stata curata dai militari del Nucleo Pef di Grosseto, che hanno sequestrato beni immobili (uffici ubicati in Grosseto) per un valore di 50mila euro nei confronti dell’imprenditore.

L’attività delle Fiamme Gialle grossetane proseguirà incessantemente al fine di tutelare l’economia legale, nonché ribadire il rispetto delle regole di equità fiscale e di concorrenza leale per fornire un’adeguata risposta alla domanda di legalità.

Commenti