Quantcast

Torna il Grey Cat: 20 concerti per il Festival che rende la Maremma protagonista

Una edizione ancora più ricca ed articolata, 15 diversi grandi e piccoli luoghi, teatri, piazze, castelli, 20 concerti con ospiti internazionali come Gonzalo Rubalcaba, Fatoumata Diawara, Gogo Penguin: il “ritorno alla normalità” è per Grey Cat Festival una straordinaria full immersion tra musica, natura e territorio nei luoghi più belli della Maremma Toscana.

Più informazioni su

FOLLONICA – Passata l’edizione numero 40, purtroppo coincidente con una estate difficilissima a causa dell’emergenza sanitaria, c’è una grande voglia di tornare ad una “normalità” che significa tanta buona musica in un territorio straordinario. Se può essere possibile, Grey Cat Festival amplia ancora il suo raggio di azione che oramai coinvolge stabilmente il territorio della Maremma Toscana (Nella foto della conferenza stampa in allegato: da sinistra il fotografo Pino Ninfa, il presidente di Music Pool Gianni Pini, l’assessora alle politiche culturali del Comune di Follonica Barbara Catalani e il direttore artistico del Grey Cat Stefano Cocco Cantini).

Le condizioni per la musica per questa estate 2021 saranno ancora difficili, con capienza ridotte e necessità di precauzioni ed attenzioni. Nonostante questo, il Festival torna ad assumere la sua identità con un’importante presenza internazionale attraverso protagonisti assoluti per la prima volta in Maremma, tra cui il pianista Gonzalo Rubalcaba che, insieme alla cantante Aymèe Nuviola, raccontano la loro straordinaria storia musicale nata al Conservatorio de L’Havana, la nuova scena musicale britannica magistralmente rappresentata dal mix di elettronica, jazz, rock e classica di  Gogo Penguin, l’omaggio alla world music con la straordinaria cantante e chitarrista maliana Fatoumata Diawara, il jazz americano del batterista Hamid Drake.

Come di consueto è esaustiva la vetrina aperta verso il jazz italiano con i suoi fuoriclasse, a partire dal progetto dedicato a Mina da parte di Danilo Rea con Massimo Moriconi e Alfredo Golino, la performance a tutto swing di Mauro Ottolini e Fabrizio Bosso, e poi Simone Zanchini, Maurizio Giammarco, Antonello Salis, Rosario Bonaccorso, le straordinarie voci femminili di Simona Molinari e Karima, i poetici Petrella & Mirra (presso le Cornate di Gerfalco), Roberto Gatto, il seguitissimo Swing 10tet di Nico Gori.
Sempre più rilevante lo spazio dedicato ai giovani artisti: si rende stabile la collaborazione con il contrabbassista grossetano Michelangelo Scandroglio cui è affidata la produzione originale di questo Grey Cat festival 2021, un originale progetto Toscana/Catalogna con musica e danza ed una prospettiva sempre più internazionale per il festival. E poi ancora Sara Battaglini, Simone Graziano, Francesco Ponticelli, Bernardo Guerra, Alessandro Lanzoni e tutta la nuova generazioni di musicisti toscani di jazz che stanno rinnovando con successo la scena musicale.

Grey Cat Festival è promossa dalle amministrazioni comunali di Follonica, Scarlino, Grosseto, Roccastrada, Castelnuovo Val di Cecina, Castiglione della Pescaia, Monterotondo Marittimo, Montieri, Suvereto, (coinvolgendo ben tre territori provinciali) e dal Parco delle Colline Metallifere. L’organizzazione e la gestione del festival è curata dalla Associazione Music Pool, la direzione artistica da Stefano “Cocco” Cantini e vanta una ricchissima serie di collaborazioni.

Il Festival è sostenuto dalla Regione Toscana e, nell’ambito dei progetti di Music Pool, dal Ministero della Cultura e dalla Fondazione CR Firenze con il contributo di Banca Intesa Sanpaolo e con la sponsorizzazione di Asa Azienda Ambiente Livorno.

‘’Abbiamo inserito volentieri il festival – dichiara il Direttore generale di Fondazione CR Firenze Gabriele Gori – tra i progetti finanziati dal ‘Patto per la cultura’, che abbiamo promosso assieme a Banca Intesa Sanpaolo. E lo abbiamo fatto per la storia e la qualità della manifestazione e per la nostra attenzione al territorio che, in questi mesi, si è concretizzata in molteplici interventi in diversi settori. Sappiamo bene quanto, per la pandemia, abbiano sofferto le realtà che ruotano attorno allo spettacolo e alla cultura. Con questo aiuto vogliamo testimoniare la nostra vicinanza alle tante maestranze e ai tanti organizzatori che hanno il merito di tenerle in vita grazie alle loro competenze e al loro entusiasmo’’.

“E’ con grande gioia che salutiamo il ritorno di questa storica rassegna jazz che, dopo l’emergenza sanitaria, si ripresenta al pubblico con un programma ancora più ricco e prestigioso di sempre, afferma Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana. Sono ben 15 i luoghi della Maremma Toscana coinvolti grazie al lavoro svolto da otto amministrazioni comunali, in sinergia con gli organizzatori del festival e con le altre realtà istituzionali e culturali di questo bellissimo pezzo di Toscana. Si tratta di luoghi significativi che testimoniano il lavorìo del tempo e dell’uomo, a partire dalle origini etrusche di queste terre, passando per il medioevo e fino t4ona ai giorni nostri. Il risultato sarà quello di integrare le sonorità di oggi con le testimonianze di una storia e di una cultura antichissime e far vivere al pubblico, che spero torni numeroso, un’estate all’insegna della musica ma anche della natura e dell’arte, promuovendo nello stesso tempo la ricerca e l’innovazione musicale, l’intrattenimento e il turismo”.

“Il Grey Cat è una delle kermesse maggiormente riconosciute a livello regionale – commenta l’assessora alle politiche culturali di Follonica Barbara Catalani – oltre alla grande qualità degli artisti che ogni anno fanno parte del festival e alla felice e consolidata direzione artistica di Stefano Cocco Cantini, il motivo di un così largo consenso nasce sicuramente anche dal fatto che negli anni il Grey Cat ha saputo consolidare un rapporto importante con le varie realtà culturali del territorio”.

“Monterotondo Marittimo – commenta l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giacomo Termine – presenterà l’11 agosto Agromistico Quartet, formazione guidata da Giulio Stracciati alla chitarra. Il quartetto è parte integrante del Glenn Ferris Italian Quintet, formazione del trombonista statunitense Glenn Ferris, storico collaboratore di Frank Zappa. Per l’occasione il gruppo avrà come ospite Maurizio Giammarco, esponente di spicco del jazz italiano, uno dei più importanti sassofonisti europei, storico componente dei Lingomania e noto da decenni anche per le collaborazioni internazionali”.

“Il Grey Cat è un appuntamento irrinunciabile per il Comune di Scarlino – dichiara Silvia Travison, assessora al Turismo dell’Amministrazione comunale scarlinese – i concerti della rassegna rendono ancora più affascinante il nostro gioiello storico, la Rocca Pisana. Anche quest’estate sarà un onore ospitare tre appuntamenti del Grey Cat a Scarlino: l’arte in genere e, in questo caso, la musica di altissima qualità, rappresentano delle vere e proprie boccate di ossigeno dopo mesi difficili per tutti noi. Ringrazio quindi gli organizzatori per il grande impegno che mettono nella costruzione di un calendario di pregio e mai scontato”.

“Il Grey Cat – affermano il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna e il vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Agresti – è un festival che ormai non ha bisogno di presentazioni, da sempre offre al pubblico un repertorio raffinato e di qualità, grazie ad artisti di ampia fama. Nonostante le difficoltà legate alla pandemia anche quest’anno la rassegna è riuscita ad andare avanti portando la grande musica sul nostro territorio. Ringrazio gli organizzatori, i musicisti e tutti coloro che hanno contribuito ancora una volta a rendere fruibile questo appuntamento”.

La mostra alla Fonderia Leopolda – È la mostra del fotografo di jazz Pino Ninfa ad avviare ufficialmente Grey Festival 2021, domenica 13 giugno presso la Sala Leopoldina del Teatro di Follonica. Jazz Spirit racconta il mondo del jazz con le sue storie, i suoi protagonisti ed i suoi luoghi.  La mostra sarà visibile nei giorni di apertura del Teatro Fonderia ed in occasione dei concerti a Follonica di Grey Cat 2021. È inoltre prevista un’apertura straordinaria nel corso della nuova rassegna, Follonica suona il jazz, che nei giorni 9, 16 e 23 luglio vedrà impegnati Valentina Toni, Raffaele Pallozzi e Riccardo Butelli con le loro formazioni con tre concerti aperitivo accompagnati dalle degustazioni a cura di Strada del Vino e dei Sapori.

Molto particolare l’appuntamento del 25 luglio. Il concerto del direttore artistico del Festival, Stefano Cantini insieme al fisarmonicista Simone Zanchini si terrà al termine di un percorso guidato (partenza dal Castello di Scarlino) immerso nella natura e nei castagni del Poggio Giardino di Scarlino, all’ora in cui cala il sole.

La serie di concerti ambientati a Follonica inizia il 31 luglio con i grandi protagonisti internazionali: da Manchester arrivano i Gogo Penguin, acclamati nei più importanti festival come un collettivo che riesce a far confluire atmosfere elettroniche e da club insieme a influenze jazz e rock minimaliste. Sarà poi la volta del primo dei due concerti previsti a Suvereto, il 3 di agosto, questa volta per incontrare la giovane vocalist Karima con il suo nuovo progetto con influenze pop e jazz insieme a Piero Frassi, Gabriele Evangelista e Bernardo Guerra. Ancora un appuntamento con Follonica suona il jazz, presso il Chiostro della Fonderia Leopolda: protagonisti del concerto del 4 agosto i Parafunky, attivi da tanti anni con la loro capacità di spaziare dal funky al jazz tramite contaminazioni etniche, sempre più presenti e importanti. La “musica fragile” di Emanuele Filippi, sarà protagonista del concerto del 5 di agosto, alla ricerca dei nuovi protagonisti della giovane scena musicale, in collaborazione con il Festival Udin&jazz.

Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino, in concerto il 6 agosto presso le Ferriere di Follonica hanno voluto dedicare e celebrare con un disco ed un live un’artista con la “A” maiuscola, in occasione dei suoi 80 anni: Mina, con cui hanno registrato di tutto: dalla ballad jazz al rock, dalla fusion all’acustico, dalle canzoni di autori italiani e internazionali, al tango.
Come ogni stagione Grey Cat Festival dà spazio alla creazione ed ai progetti originali. L’occasione è fornita da questa collaborazione tra musicisti toscani e Catalani che dà vita, su proposta del contrabbassista grossetano Michelangelo Scandroglio, a questo Barencia, una residenza artistica di 4 giorni con laboratorio, prove, workshop ed infine la prima rappresentazione, il 7 agosto presso il Teatro Fonderia, di un progetto che unisce due terre, la musica e la danza.

“Viento y Tiempo” è il concerto presentato in tutto il mondo questo 2021 da due artisti straordinari come Gonzalo Rubalcaba e Aymée Nuviola, una storia che nasce tra le strade dell’Avana, Cuba, e le stanze del Conservatorio di musica, un tributo alle loro radici: 8 agosto, Le Ferriere Follonica.
Il Castello di Scarlino è una delle storiche location di Grey Cat Festival, sede di tanti importanti concerti come lo è, per questo 2021, quello di Fatoumata Diawara, il 9 di agosto; in scena una delle più vitali rappresentanti della musica contemporanea africana, cantante, autrice, chitarrista e attrice, nel 2019 ha ricevuto due nomination ai Grammy Award. Il quartetto di Agromistico di Giulio Stracciati, l’11 agosto presso la Rocca degli Alberti di Monterotondo Marittimo, si presenta la sua rodata formazione di valenti musicisti toscani, impreziosita dalla partecipazione di uno dei più conosciuti sassofonisti di jazz, Maurizio Giammarco. L’appuntamento di Castelnuovo val di Cecina torna quest’anno nella sua sede abituale, la Villa Pecori Giraldi, il 12 agosto. Protagonista la splendida voce di Simona Molinari, cantautrice pop-jazz, vanta all’attivo sei dischi, ha collaborato e duettato con artisti di fama mondiale e nel corso della sua carriera ha portato i suoi spettacoli nei teatri e nei jazz club più importanti d’Italia e del mondo. In collaborazione con l’Associazione Alfio Benincasa.

Storyville Story è il viaggio che Mauro Ottolini e Fabrizio Bosso compiono insieme alla scoperta di New Orleans, della sua musica e dei musicisti che ne fecero la storia; il 13 di agosto saranno in concerto, in quintetto con la splendida cantante Vanessa Tagliabue, al Castello di Scarlino.
È una full immersion nel territorio l’appuntamento del 14 agosto: dal centro di Gerfalco in trekking guidato sul Crinale delle Cornate attraverso un sentiero meraviglioso per appassionati e naturalisti, al centro di una Riserva Naturale di circa 1000 ettari. Ed al tramonto la immaginifica performance di Gianluca Petrella e Pasquale Mirra: un duo atipico in un gioco di equilibri tra melodia, ritmo, armonia ed elettronica.

È fissato il 16 di agosto il secondo concerto programmato a Suvereto, con Roberto Gatto, una lunga e fortunata carriera che lo ha portato al vertice del jazz italiano, del quale è uno dei musicisti più rappresentativi con un nuovo quartetto che lo riporta alla dimensione acustica con tre giovanissimi compagni di palco, tra i quali Alessandro Lanzoni.

Grey Cat torna questo 2021 anche in uno dei luoghi più significativi degli ultimi anni: la Piazza del Museo di Vetulonia, il 17 agosto, questa volta con il divertentissimo Nico Gori Swing tentet, per rivivere l’era delle orchestre di Cab Calloway e Benny Goodman, ma pure di Duke Ellington e Count Basie, il jazz che negli anni 20 e 30 si ballava nei locali come il Cotton Club. Immancabile come sempre la visita guidata al meraviglioso Museo Etrusco.
Mercoledì 18 agosto l’appuntamento è al Forte di San Rocco di Grosseto con il quartetto composta da Rosario Bonaccorso, Stefano Cantini, Antonello Salis e Hamid Drake: con “linea di demarcazione” gli artisti condividono tradizione e libertà espressiva come matrice comune di intesa e da cui scaturisce un linguaggio jazz puro, contemporaneo e comunicativo. Il concerto si svolgerà in collaborazione con San Rocco Festival promosso dal Comune di Grosseto e da Pro Loco Marina di Grosseto e Principina a Mare, con la direzione artistica di Giorgio Zorcù e l’organizzazione di Stefano Frosolini.

Il concerto conclusivo di questa edizione 2021 è fissato a Scansano, il 19 agosto, presso la Cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, uno dei luoghi più prestigiosi per la produzione vitivinicola italiana. Protagonista ancora una giovane formazione: la cantante Sara Battaglini presenta il suo nuovo “Vernal love” con una formazione composta da importanti ed affermati giovani talenti toscani.

ll Festival conferma il suo impegno nel territorio con le visite guidate ai luoghi degli spettacoli e la presenza dei prodotti tipici, quest’anno evidenziati dalla collaborazione con Strade del Vino e dei Sapori. La vocazione multidisciplinare di Grey cat sarà inoltre testimoniata dalla attenzione alla fotografia con la mostra di Pino NInfa “Jazz Spirit” mentre è in allestimento un nuovo progetto dedicato all’arte contemporanea da parte del gruppo PMB2.

Continua l’impegno di Grey Cat Festival per la formazione, in collaborazione con la Scuola Comunale di Musica AMF di Follonica. Per il 2021 il workshop di musica è previsto per sabato 7 agosto, dalle 10:30 alle 12:30 (presso la Sala Leopoldina del Teatro Fonderia Leopolda di Follonica) ed avrà come protagonista Danilo Rea. Prenotazioni: sg6556@gmail.com.

Il programma anche un workshop di danza (8 agosto) che vedrà come protagonista la baialora Karen Lugo e la sua danza flamenca (particolari da definire) in collaborazione con Aire Flamenco Follonica diretto da Francesca Angotti, mentre uno spazio, presso la Sala Leopoldina, sarà dedicato a presentazioni e talk di carattere musicale e jazzistico, curati da Alessandra Cafiero di Music Pool.

Più informazioni su

Commenti