Quantcast

Casamenti: «Chiavetta continua a criticare, ma è politicamente inesistente»

ORBETELLO – Prosegue il botta e risposta tra Andrea Casamenti, sindaco di Orbetello in corsa per il centrodestra alle prossime elezioni comunali e il candidato del centrosinistra Mario Chiavetta. Con una nota Casamenti risponde alle critiche del suo avversario sui lavori pubblici.

«L’ex assessore ai lavori pubblici Chiavetta, candidato avversario a sindaco, per ravvivare la sua campagna elettorale sotto tono spesso interviene dimenticando che è stato assessore ai lavori pubblici nella scorsa legislatura, non riuscendo a risolvere un solo problema – scrive -. Ce lo ricordiamo per i litigi, perché cercava di mettere in difficoltà il sindaco Paffetti, per le dimissioni, nullo per la risoluzione dei problemi dei cittadini».

«Cucine dell’alberghiero, bocciofilo di Albinia – elenca Casamenti -, costruzione della scuola elementare di Albinia, nuova piazza di Fonteblanda, 3 milioni di euro di riasfaltature in tutto il territorio comunale, ripascimenti spiagge, escavo Porto di Talamone, nuova scuola materna di Neghelli, restauro muro corte del Frontone, recinzione giardini chiusi, sistemazione Maremmana di Albinia, pista ciclabile di Giannella ecc.. sono solo alcuni di un lungo elenco di lavori attivati dalla nostra amministrazione comunale. Interventi questi che avrebbe dovuto realizzare l’ex assessore ai lavori pubblici Chiavetta che però amministrativamente inadeguato era troppo occupato a litigare».

«Oggi – prosegue – lo vediamo addirittura criticare la nostra amministrazione comunale perché sta realizzando troppi lavori su tutto il territorio comunale e non si è mai fermata in questi cinque anni di legislatura per dare risposte concrete alla cittadinanza. Chiavetta appare davvero poco credibile amministrativamente e non si deve lamentare se poi alle presentazioni alla popolazione del suo programma si sono presentati solo pochi addetti ai lavori con un flop gigantesco snobbato da imprenditori e cittadini. Ai tanti attacchi strumentali ricevuti non abbiamo risposto perché significherebbe solo concedere pubblicità gratuita a chi non ha nulla da dire, ha già dimostrato inadeguatezza amministrativa ed è politicamente inesistente ma l’ultimo attacco delle troppe opere della nostra amministrazione è stato davvero ridicolo».

«Se questa è la campagna elettorale che vuole portare avanti – conclude – dovrà correre davvero tanto per convincere qualcuno».

 

Commenti