Quantcast

Ulmi: «Più medici di base nei territori marginali». Consiglio approva risoluzione Lega

GROSSETO – “Prevedere, nel Prs, specifiche iniziative e sostegni economici finalizzati all’implementazione della sanità territoriale ed, in particolar modo, a garantire la presenza di medici di medicina generale e attività specialistiche ambulatoriali nelle misure adeguate nelle zone disagiate, montane, insulari e di confine”.

Un’altra risoluzione della Lega collegata al Prs, il programma regionale di sviluppo, è stata approvata dal Consiglio Regionale. Come primo firmatario c’è il consigliere grossetano e vicepresidente della commissione sanità Andrea Ulmi

“Dopo le tutele per gli ospedali cosiddetti ‘minori’- afferma Ulmi- siamo riusciti a far approvare anche dalla maggioranza un nuovo atto che dà risposte concrete ai cittadini dei nostri comuni marginali. Sappiamo bene anche in provincia di Grosseto quanti problemi ci siano stati per l’assenza di medici di base nelle realtà isolane o montane, ma anche in quelle collinari. Se vogliamo una sanità territoriale che funzioni è necessaria la presenza di medici in loco. Per troppi anni si è tagliato, si è disinvestito sui territori ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. L’ultima riforma della sanità firmata Rossi-Saccardi ha indebolito le aree periferiche ed anche il diritto alla salute dei cittadini. Noi della Lega con questa risoluzione ridiamo forza anche alle zone cosiddette marginali”.

Per Ulmi si tratta di un nuovo obiettivo raggiunto. “Già dalla campagna elettorale – afferma- mentre qualcuno continuava a sorridere sulla possibilità che in caso di successo del centrodestra potessi diventare assessore alla sanità avevo posto degli obiettivi. Evidentemente non erano così fuori luogo, visto che li stiamo raggiungendo dall’opposizione e condivisi pure dalla maggioranza che compie una vera e propria retromarcia rispetto alle scelte passate”.

“Un passaggio importante a livello regionale dunque, che però, dovrà essere supportato su base nazionale. Questo fatto – sostiene Ulmi- è il massimo che si può ottenere a livello regionale perché il problema è il numero largamente insufficiente di medici il cui problema va risolto in Parlamento con l’abolizione del numero chiuso di medicina e con l’aumento dei posti in specializzazione o una sorta di equipollenza istituendo una sorta di percorso sul campo nei grandi ospedali specialistici. Su questo ci stiamo confrontando con i gruppi parlamentari”.

“Per la sanità toscana e maremmana c’è ancora molto da fare – sostiene- ma credo che lavorando con serietà e con attenzione, continuando ad ascoltare i cittadini, gli amministratori ed i territori, portando proposte concrete e di buonsenso possiamo continuare a raggiungere gli obiettivi che la Lega ha fissato, ma che, evidentemente, sono propri anche della maggioranza”.

Commenti