Quantcast

#unacanzonealgiorno: oggi balliamo sulle note de “Il ballo del mattone” di Rita Pavone

Più informazioni su

GROSSETO – E’ l’8 giugno 1963 e Rita Pavone è prima in classifica con Il ballo del mattone, restandoci per le tre settimane successive.

#unacanzonealgiorno 2021

Oltre ad essere una canzone dal ritmo travolgente, perfetta per essere ballata durante le notti estive, Il ballo del mattone è un pezzo di emancipazione: Rita Pavone non parla dell’amore romantico tipico del melodico italiano, ma di un amore fatto di battibecchi, di ripicche infantili, smorfie, alzate di spalle. Per dirlo in una parola: passionale.

Il ballo del mattone è esemplificativo di un nuovo modo di intendere il rapporto col proprio partner, invitato perentoriamente a non essere “geloso” e “furioso” se a lei capitava di ballare il twist o il rock con altri. Non era proprio il caso di fare “le scenate” o di provocare “la lite” per così poco, tanto con te che sei la mia passione io ballo il ballo del mattone.

Passione e mattone non erano due parole scelte a caso solo per la facile rima. Ballare sul mattone significava letteralmente, come dice la canzone stessa, stringersi forte e muoversi appena, così poco che bastava lo spazio di un mattone per ballare. Quelle parole e quella situazione trasmettevano un’idea di amore sensuale basato sul contatto fisico. Infatti Rita Pavone, cantando, diceva di provare per il suo ragazzo passione, non amore.

La parola trasmetteva bene l’idea di un’emozione forte, di un’attrazione fisica, diversa dall’amore convenzionale, caratterizzato da bacini e bacetti in attesa del tanto ambito matrimonio.

Testo di “Il ballo del mattone”

Non essere geloso se con gli altri ballo il twist,
Non essere furioso se con gli altri ballo il rock:
Con te, con te, con te che sei la mia passione
Io ballo il ballo del mattone.
Non provocar la lite se con gli altri ballo il twist,
Non farmi le scenate se con gli altri ballo il rock:
Con te, con te, con te che sei la mia passione
Io ballo il ballo del mattone.
Lentamente, guancia a guancia,
Io ti dico che ti amo
Tu mi dici che son bella
Dondolando, dondolando sulla stessa mattonella!
Non essere geloso se con gli altri ballo il twist,
Non essere furioso se con gli altri ballo il rock:
Con te, con te, con te che sei la mia passione
Io ballo il ballo del mattone.
Lentamente, guancia a guancia,
Io ti dico che ti amo
Tu mi dici che son bella
Dondolando abbracciati sulla stessa mattonella!
Non essere geloso se con gli altri ballo il twist,
Non essere furioso se con gli altri ballo il rock:
Con te, con te, con te che sei la mia passione
Io ballo il ballo del mattone.
Amor.

Più informazioni su

Commenti