Quantcast

Impianti pubblicitari: via libera a nuovi tipi di insegne

GROSSETO – Maggiore flessibilità e inserimento di nuove tipologie di insegne: si aggiorna basandosi su queste linee guide il Piano generale degli impianti pubblicitari del comune di Grosseto. In tutto sono 11 le modifiche approvate dal Consiglio comunale, che consentiranno una gestione più agevole e più ampia di questi strumenti da parte degli operatori interessati. Per quanto riguarda la definizione di durata temporanea, si passa da “una durata non superiore a 3 mesi” nell’anno solare a una “inferiore a 365 giorni” nell’anno solare.

Viene inoltre ampliato il numero delle vie del centro abitato, fuori dal centro storico, in cui è possibile installare i cartelli stradali e viene precisato che per le tabelle a messaggio variabile-monitor pubblicitari, tali messaggi devono essere attinenti all’attività autorizzata oppure devono essere autorizzati ad agenzie di pubblicità, marketing e simili. Nel centro storico gli impianti pubblicitari devono essere poco impattanti, mentre non è ammessa l’installazione di bacheche. Attenzione anche per i cantieri, nei quali le gigantografie possono essere apposte per tutta la durata dei lavori e viene tolto il limite del 10 per cento per la superficie del messaggio pubblicitario.

Accanto alla dicitura “vetrofanie e vetrografie” viene aggiunto il riferimento alle pellicole adesive, che possono essere installate anche su manufatti diversi da vetrine e finestre, purché sempre nella sede dell’esercizio dell’attività o nelle sue pertinenze. Le insegne possono essere collocate anche su pareti cieche, purché non si sovrappongano ad altri elementi architettonici presenti. In tema di tende pubblicitarie, è stato eliminato il divieto di utilizzare tende a righe, che devono però essere coordinate, per materiali e colori, con le altre già presenti nelle vicinanze. Infine, per evitare di ricorrere alla modifica del regolamento ogni volta che venga richiesta l’installazione di una nuova tipologia di impianto non codificata dal Piano, viene lasciato un margine di discrezionalità agli uffici comunali preposti e viene previsto uno snellimento delle procedure amministrative per il rilascio di mezzi pubblicitari particolarmente semplici.

“Abbiamo pensato a uno strumento agile e flessibile – commentano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore all’Urbanistica, Fabrizio Rossi – per quanto riguarda installazione, tipologie, periodicità e localizzazione dei mezzi pubblicitari. Tutto questo ponendo grande attenzione al centro storico, per salvaguardarne l’interesse architettonico e paesaggistico, e all’innovazione tecnologica, prevedendo di non dover modificare il regolamento ogni volta che si presenti un tipo di impianto pubblicitario non previsto nel Piano. Snellimento delle procedure, dunque, con uno strumento organico e di facile consultazione da parte dei cittadini”.

Commenti