Quantcast

Grazie ai bambini tornano in mare i piccoli animali dell’acquario della scuola fotogallery

FOLLONICA – Un paguro, un riccio, una bavosa e un granchio. Sono alcuni degli esemplari del nostro mare che hanno trascorso l’inverno e parte della primavera nell’acquario della scuola primaria Rodari di via Palermo, dell’Istituto comprensivo Follonica1.
I bambini e le bambine del plesso – aiutati dalle loro docenti all’interno del progetto triennale comunale “Follonica fa la differenza” – hanno riprodotto all’interno dell’acquario l’ecosistema marino del Golfo. Hanno prima sistemato sabbia, sassi e alghe tutti provenienti dal tratto di mare antistante la loro scuola, poi hanno accolto i piccoli ospiti, curandoli e nutrendoli.

Lo scorso 1 giugno, insieme alle insegnanti e alla dirigente dell’Istituto comprensivo Follonica1, Elisa Ciaffone, i bambini e le bambine hanno liberato il paguro, il riccio, la bavosa, il granchio e gli altri animali.
«Li abbiamo liberati – spiegano i bambini e le bambine di Rodari – perché è giusto così. Il nostro percorso con loro è terminato. Ci è un po’ è dispiaciuto salutarli. Erano diventati come degli amici».
Il progetto dell’acquario didattico è stata una attività interdisciplinare che ha impegnato alunni e insegnanti su più ambiti.

«Progetti di questo tipo permettono ai bambini e alle bambine di fare esperienze concrete di salvaguardia degli animali e dell’ambiente circostante – commenta l’assessora all’ambiente Mirjam Giorgieri – il nostro progetto di educazione ambientale “Follonica fa la differenza” è esteso a tutte le scuole della città, con un percorso formativo che inizia alla scuola dell’infanzia e termina alle superiori. Il nostro obiettivo è quello di rafforzare ed incrementare per ogni ciclo scolastico il concetto di sostenibilità e conoscenza del territorio».

«I nostri bambini – spiegano le docenti del plesso – sono rimasti spesso incantati a osservare i piccoli ospiti dell’acquario. Hanno ammirato i loro movimenti, i loro colori e hanno provato sentimenti di tenerezza nei loro confronti e desiderio di prendersene cura. È stato per noi anche un modo per fare didattica attiva, in cui i ragazzi e le ragazze hanno appreso facendo. Hanno studiato da vicino che cosa è un ecosistema, hanno potuto formulare ipotesi e attivare procedimenti logici riguardo, ad esempio, a quelli che potevano essere i diversi comportamenti quando la vasca veniva pulita o quando veniva somministrato il cibo».

E non solo: la scuola Rodari, in collaborazione con Legambiente, ha anche adottato a distanza Giulietta, una vera tartaruga Caretta caretta. Giulietta, al momento, si trova in un centro recupero tartarughe dopo che è stata recuperata in mare, mentre rischiava di soffocare per aver ingoiato della plastica.

Commenti