Quantcast

Lettori più preoccupati degli effetti economici e sociali del Covid che del contagio

GROSSETO – Torna l’appuntamento con #InstaPoll, i sondaggi che IlGiunco.net propone alla propria community per capire qualcosa di più sui propri lettori.

Entro un mese tutta l'Italia sarà zona bianca. I dati sull'andamento del Coronavirus sono confortanti: i nuovi casi sono circa 3mila al giorno, mentre i ricoveri in continua discesa da settimane. La campagna vaccinale sta andando avanti: in Provincia di Grosseto, ad esempio, più di un maremmano su tre ha ricevuto almeno una dose di vaccino. E da martedì in Toscana apriranno le prenotazioni per gli over 30.

Ascolta "IlGiunco.net Podcast - Le news di oggi 28 maggio 2021" su Spreaker.

In questo contesto, in continuo miglioramento e indubbiamente più positivo rispetto ai mesi scorsi, vi abbiamo fatto alcune domande per capire come state vivendo questa nuova fase della pandemia.

Il 63,8% dei lettori che ha risposto al nostro Instapoll crede che il peggio sia passato. Rimane comunque consistente la proporzione di coloro che ritengono che siamo ancora in piena emergenza (36,2%).

Il 64,4% di coloro che hanno partecipato al nostro sondaggio dicono di essere più preoccupati degli effetti economici e sociali del Covid sulle proprie vite che di essere contagiati.

Secondo il 41,7% dei lettori, l'emergenza sanitaria si andrà esaurendo entro due anni. Più positivo un 37%, che crede che l'emergenza Covid si concluderà entro un anno. Il 21,3% invece pensa che ci vorranno più di due anni per mettere la parola fine sul Coronavirus.

La valutazione sull’andamento della campagna vaccinale è positiva: il 68,6 dei lettori che hanno partecipato all'Instapoll ritiene che stia andando bene, contro un 31,4% che pensa che stia andando male.

Il 29,4% dei partecipanti al sondaggio dichiara di aver ricevuto almeno una dose di vaccino anti-Covid. Del 70,6% che invece non si è ancora vaccinato, solo il 16,1% dice di non volersi vaccinare, mentre per l'83,9% non è ancora arrivato il proprio turno.

Commenti