Sindacati

Morti sul lavoro: Cgil, Cisl e Uil venerdì in piazza

I sindacati: "L'ennesimo incidente sul lavoro costato la vita a un operaio in provincia di Grosseto ci impone un cambio di rotta importante e immediato sulla sicurezza"

sindacati Cgil Cisl e Uil

GROSSETO – “L’ennesimo incidente sul lavoro, accaduto oggi vicino a Castiglione della Pescaia e costato la vita a un operaio, ci spinge a scendere in piazza per dire basta alle morti sul lavoro”. Anche a Grosseto Cgil, Cisl e Uil scenderanno in piazza Dante, venerdì 28 maggio alle ore 10, aderendo alla manifestazione nazionale organizzata dagli stessi sindacati, per manifestare e chiedere al Governo un intervento immediato.

leggi anche
Pegaso 2020
Cronaca
Incidente mortale: uomo investito dal suo stesso furgone

Dallo scorso 20 maggio, infatti, è cominciata la settimana di mobilitazione unitaria sui territori e nelle realtà lavorative per gridare insieme “fermiamo la strage nei loghi di lavoro”. La mobilitazione mette in luce sette punti cardine per la strategia nazionale richiesta dalle organizzazioni sindacali per cercare di arginare il fenomeno drammatico degli infortuni e delle malattie professionali, così come le conseguenze dei danni derivanti dalle inadeguate condizioni di lavoro.

“Non è più tollerabile continuare ad ascoltare questa strage silenziosa – hanno spiegato i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil – che ci impone, oggi più che mai, un cambio di rotta importante e immediato sulla sicurezza. Proprio per cercare di trovare obiettivi e impegni comuni e concreti abbiamo creato una Piattaforma unitaria nazionale, per permettere al Governo, alle istituzioni, alla conferenza Stato-Regioni, agli enti preposti, alle associazioni di categoria e a quelle datoriali di stipulare un patto per la salute e la sicurezza sul lavoro. Questo patto deve poter definire obiettivi, interventi e misure di tutela da utilizzare, di pari passo con la Strategia quinquennale euroepea, allineandosi al modello comunitario. Per farlo bisogna intervenire su tre grandi assi: sulle istituzioni e sugli organismi nazionali, sui vari contesti lavorativi e sugli attori della prevenzione. E proprio per trovare un accordo in questa direzione domani mattina scenderemo in piazza per chiedere alle istituzioni maggiore attenzione e per sensibilizzare i cittadini in questa battaglia che, prima di tutto, è di civiltà: non si può morire di lavoro”.

Tra i temi che Cgil, Cisl e Uil toccheranno, anche la proroga del blocco dei licenziamenti e delle semplificazioni in materia di appalti. “Ci sembra inaccettabile – continuano i sindacati – la posizione della Confindustria che si ostina a rifiutare la proroga del blocco dei licenziamenti in questa fase, tanto più alla luce dei finanziamenti di carattere sia generale sia specifici, destinati alle aziende e mai selettivi. Non possiamo assolutamente permetterci il rischio della perdita di ulteriori centinaia di migliaia di posti di lavoro”.

Proprio su queste proposte i sindacati chiederanno venerdì mattina alle ore 10 in piazza Dante, e contemporaneamente in tutte le piazze d’Italia, l’avvio di un confronto serio con il Governo per dire basta alle morti sul lavoro.

leggi anche
Pegaso 2020
Cronaca
Incidente mortale: uomo investito dal suo stesso furgone
fillea cgil Bracciali
Dal sindacato
Operaio morto, Cgil: «Ennesima tragedia sul lavoro. Non abbassiamo la guardia su regole e cultura sicurezza»
Rodolfo Cetoloni
Diocesi
Il vescovo: «Nel dolore di ogni morte, quella di un lavoratore è ancor più inaccettabile»
Donatella Spadi
Dal consiglio regionale
Spadi: «Adesso basta con le morti bianche, tuteliamo i lavoratori»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI