Quantcast

L’arte racconta Pia de’ Tolomei: in centro storico l’esposizione dedicata alla Divina Commedia di Dante

GAVORRANO – Un percorso di arte visiva per celebrare i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. In occasione dell’anno dantesco l’Officina Hermes, in collaborazione con le Pro Loco di Gavorrano e di Potassa e Bivio Ravi, si fa promotrice di una mostra d’arte contemporanea allestita all’interno del centro storico di Gavorrano.

L’associazione culturale ha accettato senza riserve la proposta di “Maremma per Dante” di realizzare, in relazione all’evento di carattere nazionale e non solo, un progetto d’arte visiva per il comune minerario, un luogo legato a doppio filo al sommo poeta che cantò le vicende della Pia de’ Tolomei citata nel V canto del Purgatorio della Divina Commedia.

«Dopo la ricerca di artisti, pittori, scultori, fotografi, già dal mese di gennaio – spiega l’associazione -, in collaborazione con l’artista Leonardo Cambri e il sostegno della Pro Loco, abbiamo formato un gruppo di creativi legati al territorio, che con entusiasmo saranno lieti di contribuire con le loro opere a rendere omaggio a Dante».

Il tema dell’esposizione avrà come ispirazione il viaggio, concetto della Divina Commedia che è stato il filo conduttore del cammino di Dante, con Virgilio e Beatrice, nei vari stadi dell’aldilà, Inferno, Purgatorio, Paradiso.

La mostra verrà realizzata nel centro storico di Gavorrano. Cantine, giardini e luoghi caratteristici del paese saranno i luoghi espositivi.

«L’evento – prosegue – entrerà nell’anima del luogo nella speranza di dare un nuovo e vitale slancio a tutta la comunità demoralizzata e demotivata a qualsiasi stimolo, situazione causata dal devastante periodo di sanità pubblica che abbiamo e ancora stiamo vivendo. La cultura sarà un vettore per la rinascita dello spirito. Solo con la bellezza e l’espressione artistica in qualsiasi forma la crisi morale e psicologica dovuta a traumi sociali può risorgere a nuova vita, è sempre stato così. Una società senza colori, poesia e musica non è più costituita da persone viventi e creative, ma elementi grigi e amorfi destinati a morire nell’anima».

Lo scopo della mostra è proprio questo; dare un contributo morale e culturale per ripartire dopo questo periodo di difficoltà. L’associazione si augura di contribuire a far “rivedere le stelle” agli abitanti di Gavorrano e a chi verrà a visitare la mostra.
Gli artisti partecipanti saranno 14 e nove i luoghi espositivi.

Il periodo espositivo sarà dal 5 al 12 giugno. L’officina Hermes APS, insieme alla Pro Loco di Gavorrano garantiranno il corretto svolgimento della manifestazione, controllando che venga rispettata la procedura anticontagio: visite scaglionate agli ambienti, controllo mascherine ecc.

«Ringraziamo – concludono – l’amministrazione comunale di Gavorrano di averci dato l’opportunità di renderci utili per l’inizio di un nuovo “Viaggio” di speranza».

Commenti