Quantcast

Itinerari sportivi e cultura nelle escursioni Uisp de La Maremma per Dante

GROSSETO – Anche la Uisp di Grosseto partecipa a “La Maremma per Dante”, il programma di iniziative organizzate in tutta la provincia per celebrare il sommo poeta a 700 anni dalla sua morte. Lo fa con eventi di trekking e cicloturismo, per esplorare luoghi che uniscono il territorio maremmano a Dante. Gli appuntamenti previsti sono sabato 22 maggio con un’escursione trekking nella “selva oscura” della valle dell’Ombrone nel comune di Campagnatico; il 13 giugno con un itinerario cicloturistico e trekking per scoprire la Castellaccia e la leggenda di Pia de’ Tolomei; il 4 luglio con una ciclopasseggiata conclusiva sull’Amiata.

“Il nostro programma – ricorda Francesco Donati, presidente del comitato celebrativo La Maremma per Dante – ha preso il via il 15 febbraio e sta proseguendo nonostante le difficoltà legate alla pandemia. Dante faceva tutto, praticava anche sport: pare che fosse un buon maratoneta. Da qui l’idea di legare l’aspetto culturale con l’attività motoria e la Uisp, che diventa quindi parte del nostro comitato”.

“All’interno del progetto La Maremma per Dante – aggiunge Sonia Bonari, volontaria del comitato celebrativo – sono confluite tante iniziative come mostre, convegni e approfondimenti letterari. Non potevano mancare attività all’aria aperta, ludiche e motorie: la Uisp da sempre è rete sul territorio e potrà arricchire i partecipanti facendo cultura anche attraverso lo sport”.

“Con il trekking a Campagnatico – afferma Maurizio Zaccherotti, vicepresidente Uisp Grosseto – avremo un itinerario di sei chilometri che partendo dal paese arriverà a Sasso Piano. Raccontando la storia di Oberto Aldobrandeschi, personaggio storico che Dante inserisce nel Purgatorio, perché considerato un superbo. Faremo un salto nella storia anche grazie alla guida Carolina Sartoni, scoprendo Campagnatico e poi immergendoci nella selva oscura della Valle dell’Ombrone, tra le più selvagge, buie e solitarie della Maremma. Sembrerà davvero di essere in un Purgatorio”.

“Le leggende su Dante toccano diversi luoghi della Maremma – ricorda Giovanni Pettinari, coordinatore cicloturismo Uisp – ci concentreremo sulla Castellaccia, dove sembra che sia suicidata Pia de’ Tolomei. Abbiamo in programma due cicloescursioni che partiranno da Massa Marittima e da Gavorrano, andando a vivere le antiche percorrenze già conosciute all’epoca di Dante: il punto di incontro dei due gruppi sarà appunto alla Castellaccia, raggiunta invece con un itinerario trekking nel quale la guida spiegherà la storia di quei luoghi”. “Il 4 luglio – conclude Pettinari – ci vedremo invece sul Monte Amiata con una ciclopasseggiata, mettendo in contatti vari territori che si incontreranno a Santa Fiora. Anche qui ci sono le vestigia di un antico castello menzionato da Dante nella Divina Commedia, per completare la full immersion tra natura e cultura”.

Commenti