Quantcast

Quarto Stormo Caccia: il saluto al personale rientrato dalla missione “Baltic Thunder”

Più informazioni su

GROSSETO – Venerdì 14 maggio, presso il Quarto Stormo Caccia di Grosseto, ha avuto luogo una sobria cerimonia di saluto del personale rientrato dall’operazione di AirPolicing della Nato “Baltic Thunder” conclusa lo scorso 30 aprile sotto la guida del Quarto Stormo il cui compito è stato la sorveglianza dello spazio aereo della Lituania.

Il generale di Divisione Aerea Francesco Vestito, comandante del Comando Forze da Combattimento, ha voluto sottolineare l’importanza del lavoro svolto dal personale degli Stormi di Difesa Aerea dell’Aeronautica Militare coinvolti nell’operazione di Air Policing che li ha impegnati per otto mesi nella Repubblica Baltica: Quarto Stormo Caccia di Grosseto, 36esimo Stormo di Gioia del Colle (Bari), 37esimo Stormo di Trapani e 51esimo Stormo di Istrana (Treviso). Si tratta dei quattro Stormi che, con i velivoli Eurofighter, garantiscono, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, la difesa dello spazio aereo nazionale e nell’ambito della Missione Nato di Baltic Air Policing, quello di Lituania, Lettonia ed Estonia

Il generale ha poi proseguito “Circa 40 scramble reali (interventi di Difesa Aerea), 160 scramble addestrativi per un totale di circa 900 ore di volo, numeri e risultati raggiunti durante l’operazione “Baltic Thunder” che dimostrano l’alta efficienza e la grande operatività che l’hanno caratterizzata”. Il generale ha poi concluso il suo intervento ringraziando i Comandanti di Stormo della “Comunità Eurofighter”, presenti alla cerimonia, per la loro attenzione al personale, per il fondamentale contributo alla riuscita di una operazione che ha incontrato non poche difficoltà dovute alla pandemia di Covid-19 e alle condizioni metereologiche avverse. Difficoltà che si sono trasformate in sfide che hanno dato l’opportunità, ancora una volta, di dimostrare il ruolo dell’Aeronautica Militare nell’ambito internazionale.

Il Quarto Stormo Caccia dipende dal Comando Squadra Aerea per il tramite del Comando Forze da Combattimento. Assicurare la difesa aerea dell’area d’interesse nazionale, concorrendo al controllo, sin dal tempo di pace, dello spazio aereo relativo ed effettuare operazioni di difesa aerea nelle aree assegnate, nel quadro della partecipazione a operazioni internazionali di prevenzione e gestione della crisi. Nello specifico il Reparto è impegnato nel Servizio di allarme, 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno, attraverso l’impiego del velivolo Eurofighter. Il 4° Stormo si occupa inoltre di assicurare la conversione operativa dei piloti della Forza Armata da impiegare nella linea Eurofighter F-2000.

Più informazioni su

Commenti