Quantcast

Un cuore matto: ipertensione e ipotensione. Menta e rosmarino: le tisane che fanno bene al cuore

GROSSETO – Le giovani generazioni forse non conoscono la canzone di Little Tony Un cuore matto, ed essendo, secondo me, patrimonio italiano, sarebbe utile che l’ascoltassero. Anche perché i battiti del cuore regolari hanno funzione vitale per la nostra sopravvivenza, qualche battito accelerato in certi casi, nell’adolescenza per esempio, è vitale per venire in contatto con l’emozione, pensate quando, da ragazzi, ai primi i appuntamenti quella sensazione del cuore che esplodeva o tentava di uscire dal petto… questo è tutta vita… È chiaro che la nostra pressione arteriosa deve mantenersi in un certo equilibrio, cercando di avere l’elasticità giusta per sostenere anche gli sbalzi pressori.

La pressione arteriosa è la pressione esercitata dal sangue sulle pareti delle arterie del sistema circolatorio. In pratica, è la forza con cui il cuore pompa il sangue per farlo fluire lungo i vasi sanguigni. La pressione dipende sia dalla quantità di sangue che viene pompata dal cuore, sia dalla resistenza opposta al flusso sanguigno. Essa sale e scende in base alle contrazioni del cuore, è massima durante i movimenti di contrazione che spingono il sangue in circolo, meglio conosciuta forse come pressione apostolica, ed è minima durante i movimenti di rilassamento, pressione diastolica.

I fattori in grado di incidere sulle variazioni dei valori della pressione sono molteplici, stato psicofisico e salute generale della persona, sesso, età, peso corporeo, gravidanza, menopausa.

La pressione può essere bassa (ipotensione) o alta (ipertensione) in entrambi i casi possono essere costanti o casuali; vediamo come la natura ci può aiutare a superare i piccoli fastidi degli sbalzi pressori.

IPOTENSIONE: può dare sintomi di affaticamento, stanchezza, capogiro fino ad arrivare allo svenimento. Il rimedio naturale per eccellenza è senza ombra di dubbio rappresentato dalla RADICE DI LIQUIRIZIA, si ritiene infatti che già masticare bastoncini di LIQUIRIZIA naturale sia utile per alzare la pressione. Altre piante utili sono il CARDO MARIANO e GINSENG e L’ELEUTEROCOCCO, piante ad azione adattogena, ovvero in grado di aumentare il tono e le difese dell’organismo.

IPERTENSIONE: mal di testa, nervosismo, sangue dal naso, palpitazioni. E sicuramente più pericolosa la tendenza a sbalzi di ipertensione perché se non controllati in tempo possono portare a casi di ictus, insufficienze cardiache e renali, rischi di infarti. Ecco cosa ci offrono le piante per contrastare questo disturbo:

AGLIO: oltre ad avere un’azione antimicotica l’allicina ha il potere di abbassare in modo fisiologico la pressione, mio zio Rino mangiava sempre 3 spicchi d’aglio la mattina a colazione per ben più di 80 anni e credetemi MAI avuti problemi di pressione.

IL BIANCOSPINO: credo che sia uno dei più conosciuti e usati in quanto riesce sia a placare l’ansia sia a riportare la regolarità dei battiti cardiaci, il suo utilizzo è consigliato per diverse settimane consecutive.

KARKADÈ: l’infuso di ibisco da bere durante la giornata aiuta a ristabilire l’equilibrio pressori. Se ne consiglia l’uso di almeno 3 tazze al giorno.

Altra pianta che da noi in Maremma abbonda è L’OLIVO, le sue foglie sono utili nel sistema cardiovascolare sia per ridurre la pressione riequilibrando anche il colesterolo. Ottimo come antiossidante, antinfiammatorio, il decotto nell’antichità veniva usato anche per difendere dalle infezioni. L’olivo lo troviamo anche nei Fiori di Bach ideale per contrastare la stanchezza, cali di energia, esaurimenti nervosi, dopo una convalescenza.

La tisana che consiglio per l’ipotensione è proprio a base di

CARDO MARIANO SEMI 40
RADICE DI LIQUIRIZIA 50
ROSMARINO FOGLIE 10

Mentre quella da provare per l’ipertensione

BIANCOSPINO 30 gr
OLIVO foglie 30 gr
BETULLA foglie 20 gr
Karkade 20 gr

A questo LINK le vecchie puntate di Menta e Rosmarino

VI CONSIGLIAMO: di non andare a raccogliere le piante in natura per non rischiare errori, e di affidarvi sempre al vostro erborista di fiducia. Quelli che vi proponiamo non sono consigli medici, quindi, specie per patologie specifiche, fate sempre riferimento al vostro medico curante prima di assumere qualunque prodotto.  

*L’autrice Serena Remi, nata a Gavorrano, da 28 anni lavora nel settore del benessere come erborista e venditore al dettaglio di prodotti a scopo salutistico al negozio l’Erbolario di Grosseto al centro commerciale Maremà.

Commenti