Quantcast

Grifone matto: disintegrato il Lecco. Continuano i playoff verso la serie B

Più informazioni su

LECCO – Troppo bello per essere vero. Eppure il primo tempo si era chiuso sullo 0-0, al termine di quarantacinque minuti tesi in cui i biancorossi si erano difesi. Poi nella ripresa la bordata di Raimo da fuori spalanca le porte del sogno che Iocolano prova a richiudere, con un rigore. I ragazzi di Magrini, però, si confermano una squadra di fuori di testa e senza pensare a nulla salgono d’intensità e schiacciano il Lecco per 4-1. Decisiva l’entrata di Merola, che inventa l’assist per il gol di Sicurella e chiude la gara con una doppietta. Una gara che, al di là di come finiranno questi playoff, è l’icona di una stagione magica.

Foto di Noemy Lettieri – Us Grosseto 1912

Senza Boccardi, Stjepovic e Sersanti, e con Gorelli in panchina, il Grosseto si schiera con Barosi tra i pali, Ciolli-Polidori centrali con Raimo a destra e Campeol a sinistra. Vrdoljak, Piccoli e Sicurella centrali con Cretella alle spalle della coppia gol Galligani-Moscati. La prima zampata è del Lecco, che al 13’ ci prova su calcio d’angolo trovando la pronta respinta di Barosi. Al 15’, ancora su angolo, è Bolzoni davanti porta a sfiorare la rete ma Barosi chiude con una grande parata la porta. Il Grosseto risponde al 21’ con una bella palla rubata da Raimo che rilancia l’azione e Galligani serve Moscati che trova la respinta di Borsellini. Al 32’ ancora biancorossi in avanti con un contropiede fulmineo di Sicurella che entra in area, da posizione defilata, e lascia partire un missile che si alza sopra la traversa. Il Grosseto ci crede e al 40’ si fa ancora pericoloso, con Galligani che riceve palla sulla destra, salta un avversario e prova il rasoterra incrociato ma davanti porta non trova la deviazione di nessuno. L’ultima occasione è però per il Lecco, al 45’, con il colpo di testa di Capogna che sfiora il palo alla sinistra di Barosi. Ripresa al fulmicotone per il Grifone, sugli sviluppi di un calcio d’angolo Raimo tira al volo da fuori area e trova il jolly alla destra del portiere, per il vantaggio degli ospiti. Il Lecco risponde con la girata di Masini, davanti porta, ma Barosi dice ancora una volta di no. Al 27’ il Lecco torna in partita, beneficiando di un rigore per fallo di mano di Campeol. Dal dischetto va Iocolano che non sbaglia e fa 1-1. Nemmeno il tempo di godersi il pareggio che il Grifone cambia di nuovo marcia: Merola inventa un passaggio filtrante per Sicurella che a tu per tu con Borsellini non sbaglia e infila palla tra palo e portiere per il nuovo vantaggio biancorosso. I maremmani giocano di prima e qualche minuto dopo rischiano di raddoppiare con una bellissima azione di prima che Galligani chiude per Kraja, ma il centrocampista trova la respinta del portiere locale. Pressione del Lecco, che a 5’ dalla fine, ci prova anche con Iocolano dopo un rimpallo fortunoso, ma il suo tiro finisce a fil di palo. Ma la partita la chiude Merola, al novantesimo, con un contropiede da paura con un tunnel e poi una rete pesantissima. Ma qualche minuto dopo arriva anche la doppietta di Merola, lanciato da Galligani, che chiude sul definitivo 4-1 per il Grosseto, che continua a sognare passando il primo turno playoff.  

 

LECCO-GROSSETO 1-4

LECCO: Borsellini, Celjak, Cauz, Lora (11’ st Marotta), Azzi, Iocolano, Merli Sala, Capogna (38’ st Emmausso), Nannini (11’ st Mangni), Masini (38’ st Nesta), Bolzoni. A disposizione: Pulze, Bonadeo, Malinverno, Purro, Haidara, Moleri, Raggio, Caporerri. All. D’Agostino. 

GROSSETO: Barosi, Raimo, Ciolli, Polidori, Campeol (25’ st Simeoni), Vrdoljak, Piccoli (14’ st Kalaj), Sicurella (30’ st Sicurella), Cretella (30’ st Kraja), Galligani, Moscati (14’ st Merola). A disposizione: Chiorra, Giannò, Gorelli, Russo, Consonni, Scaffidi. All. Magrini.

ARBITRO: Eduart Pashuku di Albano Laziale (Valletta di Napoli, Valente di Roma2)

NOTE: recupero 1’ pt, 5’ st.

RETI: 3’ st Raimo, 24’ st Iocolano, 28’ st Sicurella, 45’ st e 48’ st Merola.

Più informazioni su

Commenti