Quantcast

Suolo pubblico, come richiedere le agevolazioni? Ecco il vademecum per scaricare la modulistica

GROSSETO – Un vademecum semplice e schematico dedicato agli esercenti che spiega modalità e procedure per richiedere le agevolazioni per le occupazioni di suolo pubblico. Ma non solo. L’Amministrazione comunale ha introdotto tempi più rapidi per il rilascio delle concessioni agli utenti, grazie al ricorso alla Conferenza dei servizi che riunisce in tempi brevi tutti gli uffici coinvolti in base al tipo di pratica presentata.

Il volantino, con tanto di codice Qr da inquadrare con lo smartphone per scaricare i moduli per le richieste, è stato realizzato dal servizio Enrate, è scaricabile QUI, oppure reperibile sul sito internet del Comune nella sezione “Novità” (https://new.comune.grosseto.it/web/novita/occupazioni-di-suolo-pubblico-come-fare-per-richiedere-le-agevolazioni/) o presso l’Urp in corso Carducci 1 o negli uffici in via Colombo 5 ed è suddiviso in 5 sezioni.

“Abbiamo voluto creare una piccola guida – spiegano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore alle Entrate, Giacomo Cerboni – che renda più chiaro agli esercenti quale è l’iter da seguire per accedere alle misure agevolative in tema di occupazione di suolo pubblico. Parlando di procedure, inoltre, abbiamo introdotto un’importante novità: abbiamo ridotto a 15 giorni i tempi per il rilascio delle concessioni grazie al coinvolgimento rapido di tutti gli uffici interessati nelle varie pratiche. In questo modo si dimezzano i tempi di attesa, garantendo una risposta rapida agli utenti. Siamo ancora in piena emergenza sanitaria ed economica e come Amministrazione vogliamo dare un aiuto tangibile ai nostri imprenditori”.

Titolari di un’attività che nel 2021 vogliono occupare suolo pubblico

Basta inviare il modello di richiesta concessione per occupazione suolo pubblico con allegata la planimetria dell’occupazione desiderata con le misure necessarie e, se la richiesta sarà conforme alle norme vigenti, entro 15 giorni si otterrà la concessione. Se l’occupazione chiesta per l’anno 2021 a causa del Covid-19 ha una superficie maggiore rispetto a quella di cui si avrebbe normalmente bisogno, verrà calcolato il canone dovuto sulla superficie minore, arrivando a pagare fino a 1/3 della superficie realmente occupata. Per installare anche una pedana o altri arredi, una volta ottenuta la concessione va presentata anche la pratica edilizia. Se l’occupazione riguarda una strada a prevalente o esclusivo utilizzo pedonale e con sezione ristretta, sarà possibile concedere suolo pubblico (senza pedana, con soli tavoli, sedute e senza elementi o arredi di delimitazione della superificie concessa) a condizione di immediata amovibilità in caso di transito di mezzi di soccorso.

Titolari di un’attività che vogliono ampliare per la prima volta l’occupazione di suolo pubblico già posseduta

Si può fare gratuitamente. Per l’anno 2021 si può ampliare la superficie occupata arrivando fino al triplo di quella concessa a titolo gratuito. Si continua a pagare solo la superficie originaria. Basta inviare il modello di richiesta concessione per occupazione suolo pubblico con allegata la planimetria dell’ampliamento desiderato con le misure necessarie e, se la richiesta sarà conforme alle norme vigenti, entro 15 giorni si otterrà la concessione. Se l’occupazione riguarda una strada a prevalente o esclusivo utilizzo pedonale e con sezione ristretta, sarà possibile concedere suolo pubblico (senza pedana, con soli tavoli, sedute e senza elementi o arredi di delimitazione della superficie concessa) a condizione di immediata amovibilità in caso di transito di mezzi di soccorso.

Titolari di un’attività con un’occupazione di suolo pubblico già autorizzata e ampliata nel 2020 per l’emergenza Covid e che vogliono replicare l’ampliamento anche per l’anno 2021 senza apportare modifiche

Basta compilare il modello di proroga concessione suolo pubblico per ampliamento Covid, inviarlo all’ufficio ed entro 3 giorni si otterrà la concessione. Se non viene superato il triplo della superficie originaria si può ampliare a titolo gratuito.

Titolari di un’attività di somministrazione di alimenti e bevande che vogliono realizzare un dehor su suolo pubblico

In questo caso servono la concessione di suolo pubblico e il permesso di costruire. Occorre inviare lo stesso modello di richiesta concessione per occupazione suolo pubblico, ma, oltre alla planimetria con le misure, occorre allegare anche il progetto del dehor redatto da un tecnico abilitato. Si potrà ottenere la concessione sempre entro 15 giorni. Poi è necessario presentare la pratica edilizia e, una volta ottenuto il permesso di costruire, si potrà iniziare la realizzazione del dehor.

Titolari di una concessione di suolo pubblico non ampliabile perché si supera il limite di 80 mq previsto dalle norme edilizie

Da quest’anno è possibile. Il Comune ha introdotto la possibilità di superare il limite di 80 mq, previsto dal regolamento urbanistico, per un periodo fino a 180 giorni nell’arco dell’anno solare, per garantire la possibilità di triplicazione per l’emergenza epidemiologica a tutti. Basta inviare il modello di richiesta concessione per occupazione suolo pubblico con allegata la planimetria dell’occupazione desiderata con le misure necessarie e, se la richiesta sarà conforme alle norme vigenti, entro 15 giorni si otterrà la concessione.

Per qualsiasi chiarimento in merito è possibile contattare l’ufficio Suolo pubblico ai numeri: 0564/488891 – 488884 – 488888.

Commenti