Quantcast

Atterraggi più facili per l’elisoccorso Pegaso con la manica a vento illuminata

CAPALBIO – Atterraggi più facili nel territorio di Capalbio per l’elisoccorso Pegaso. Sono terminati nei giorni scorsi, infatti, i lavori per l’installazione della manica a vento illuminata nel campo sportivo di Borgo Carige, luogo deputato da tempo come punto di atterraggio dell’elisoccorso Pegaso nell’ambito del progetto di volo notturno. Il Comune di Capalbio ha curato la realizzazione dei lavori necessari per l’installazione del visore ad intensificazione di luce fornito dall’Azienda Usl Toscana sud est e proprio al Comune spetterà la cura di tutti gli aspetti necessari alla manutenzione.
“Grazie a questo intervento – commenta l’assessore ai Lavori pubblici Marzia Stefani – le operazioni di atterraggio saranno più agevoli e sicure per i piloti del servizio regionale di elisoccorso e per questo ringraziamo il direttore del servizio di elisoccorso di Grosseto, Stefano Barbadori, che ha da subito collaborato con l’amministrazione comunale per portare a termine l’installazione, il geometra Paolo Pescicelli e il perito industriale Luca Rosso del dipartimento tecnico dell’Azienda sanitaria, che hanno effettuato i sopralluoghi necessari per valutare la congruità dell’installazione”.

“Potenziare il servizio di elisoccorso – dice l’assessore Gianfranco Chelini – è un passo importante per i cittadini del territorio e per i turisti che ogni anno accogliamo. La salute delle persone e la possibilità di avere servizi in loco, anche quelli di emergenza, è uno degli elementi che rendono un territorio vivibile, accogliente e misura di cittadino”.

“È con vero piacere che il servizio di elisoccorso Pegaso 2 con base operativa a Grosseto ha accettato, a suo tempo, la proposta del compianto Sindaco di Capalbio, Settimio Bianciardi – dichiara Stefano Barbadori -, direttore base elisoccorso di Grosseto -. Il servizio regionale di Elisoccorso rappresenta una risorsa importante per la sanità regionale e per quella maremmana in particolare. La possibilità di intervenire in sicurezza anche in comunità lontane da presidi ospedalieri che possano dare risposte efficaci alle domande di salute della popolazione, rappresenta sicuramente un valore aggiunto. Per questo motivo desidero ringraziare tutta l’amministrazione comunale di Capalbio e in particolar modo l’assessore ai lavori pubblici Marzia Stefani che ha voluto continuare in questo progetto e tutta la mia azienda in tutte le sue articolazioni, direzione generale, sanitaria, amministrativa e tecnica, che ha sempre creduto in questo servizio investendo molto sullo sviluppo delle professionalità e delle competenze. Un ringraziamento particolare anche al perito industriale Luca Rosso e al geometra Paolo Pescicelli che hanno seguito direttamente il progetto fin dall’inizio”.

Commenti