Quantcast

#Bevisenzaplastica: all’Agrario arriva la casetta dell’acqua fotogallery

AdF e Fondazione CR Firenze investono nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado della provincia di Grosseto con casine dell’acqua, naturizzatori e borracce

GROSSETO – #Bevisenzaplastica, il progetto ideato da AdF e Fondazione CR Firenze per dare un supporto concreto ai giovani delle scuole del territorio grossetano, vede oggi (29 aprile) il primo taglio del nastro presso l’Istituto Superiore Agrario a Grosseto, alla presenza del presidente di AdF Roberto Renai e del responsabile Relazioni istituzionali e Comunicazione esterna di AdF Luca Bidolli, dei rappresentati per Fondazione CR Firenze Alessandra Bandini – responsabile Settore Protezione e Qualità Ambientale, il consigliere di amministrazione di Fondazione Cr Firenze Alfonso De Pietro, per il comitato di indirizzo di Fondazione Cr Firenze Carlo Vellutini, del presidente della Provincia di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna e della consigliera con delega all’Istruzione della Provincia di Grosseto Olga Ciaramella.

Oltre alla casina dell’acqua, sono state consegnate 300 borracce: gli studenti potranno così contribuire all’eliminazione della plastica grazie all’acqua fornita da AdF attraverso la casina, collocata nel giardino della scuola.

“Riempie di gioia riuscire, in questo anno particolare, a portare a compimento un progetto sull’acqua – commenta il presidente Roberto Renai – Ringrazio Fondazione CR Firenze per la proposta di co-partecipazione e la grande attenzione che hanno avuto nel valorizzare il territorio che serviamo. L’importanza di preferire l’acqua del rubinetto a quella in bottiglie di plastica, obiettivo di questo progetto, sarà un ulteriore stimolo per i ragazzi per adottare buone pratiche sull’utilizzo dell’acqua e per dare un contributo alla salvaguardia dell’ambiente. Il futuro siete voi”.

‘’L’ambiente e l’educazione delle nuove generazioni – dichiara il direttore generale di Fondazione CR Firenze Gabriele Gori – sono temi che stanno molto a cuore alla nostra Istituzione, soprattutto in questo momento che vede il pianeta fortemente minacciato. Lo scorso 22 marzo è stata celebrata la Giornata mondiale dell’acqua promossa dalle Nazioni Unite proprio per richiamare l’attenzione sulla crisi idrica globale e per sensibilizzare tutti noi sull’importanza di quello che viene chiamato ‘oro blu’. Questa iniziativa vuole rilanciare l’attenzione su questi temi e siamo lieti di averla potuta organizzare ora che le scuole sono nuovamente frequentate dai ragazzi’’.

“Con grande piacere sosteniamo questo progetto – affermano il presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna e la consigliera con delega all’Istruzione, Olga Ciaramella – dall’importantissimo valore civico, oltre che ambientale. Coinvolgere le scuole nella riduzione dell’utilizzo della plastica e nell’uso consapevole e razionale dell’acqua significa coinvolgere anche le famiglie, a tutela dell’ambiente e del futuro. Ringraziamo AdF e Fondazione Cr Firenze per il progetto e ringraziamo i dirigenti scolastici per la disponibilità e l’interesse con cui lo hanno accolto nei propri istituti”.

AdF e Fondazione CR Firenze lavorano insieme dall’inizio del 2020, con grande perseveranza nonostante i rallentamenti dell’emergenza sanitaria, al progetto #bevisenzaplastica, per il quale oggi arriva finalmente il momento del primo taglio del nastro presso l’istituto Agrario di Grosseto.

Il progetto prevede la consegna di oltre 2000 borracce e l’installazione di 14 impianti, tra casine dell’acqua e naturizzatori, nelle scuole secondarie di secondo grado a Grosseto (Agrario, Artistico, Scientifico/Classico e Polo Bianciardi sede centrale), e nelle scuole primarie e secondarie di primo grado a Castiglione della Pescaia, Isola del Giglio, Monte Argentario (Porto Santo Stefano e Porto Ercole) e a Manciano.

Il programma delle installazioni proseguirà con le inaugurazioni negli altri istituti di Grosseto e nei comuni della provincia citati, con altrettanti momenti ufficiali a cadenza settimanale e che si concluderanno entro la fine dell’anno scolastico in corso.

Tale importante intervento è in linea con quanto previsto nei goal n. 4, 11 e 12 dell’Agenda ONU 2030.

Commenti