Quantcast

Pistoiese in rimonta, battuta d’arresto per la Primavera del Grosseto

ROSELLE – Battuta d’arresto per la Primavera del Grosseto contro la cenerentola Pistoiese, che prevale 2-1 in rimonta collezionando la prima vittoria stagionale. Prestazione modesta per il team di Pieri, che parte col piede giusto ma perde via via mordente, di fronte ad un avversario bravo a sfruttare gli episodi e a stringere i denti nel finale.
Neanche il tempo di scaldare i muscoli che i grossetani, in maglia nera, passano in vantaggio al 3’ su calcio d’angolo, con tocco di Rotondo su mischia. Sul fronte opposto, nessun problema per Brunetti. Un paio di ripartenze a centrocampo per i locali, ma Rotondo e compagni fanno buona guardia. Troppo lungo un traversone a cercare Consales.

Al 20’ ci prova Ottaviani, ma Pinochi para senza problemi. Punizione centrale per la Pistoiese, ma la barriera non fa passare la sfera. Calcio piazzato anche per i torellini, con Gafà che di testa manda alto.
Brividi al 27’ per un’azione micidiale della Pistoiese con Simeone al tiro, che sorprende la difesa maremmana e impegna Brunetti di respinta; poco dopo ancora Simeone al tiro ma il pallone finisce a lato. Lo stesso numero 9 di casa ci riprova al 34’, ma senza la giusta mira. Stessa sorte per il destro di Boganini, al 37’.
I padroni di casa continuano a spingere e allungarsi e proprio allo scadere di tempo trovano il pareggio su contropiede, con un diagonale inarrivabile di Simeone.

Nella ripresa un’occasione per parte ma il risultato si sblocca al 7’ bella azione palla a terra con assist di Pesi ancora per Simeone, che firma una doppietta per il 2-1. Sempre più sicuro delle sue carte, il team di Palazzi scheggia al 14’ la traversa ancora con Simeoni, da un cross dalla sinistra. Neutralizzata una punizione dalla distanza degli unionisti, mentre quella di Gafà al 21’ è proprio fuori misura.
Alla mezz’ora Grosseto vicino al pareggio con un’azione ragnatela, con tocco finale clamorosamente respinto sulla linea di porta da un difensore avversario. Al 40’ locali in dieci per espulsione di Tesi per fallo vistoso a metà campo. I maremmani spingono in avanti ma i rivali fanno buona guardia in difesa, sfruttando ogni episodio anche per gestire il vantaggio e far passare più secondi possibili, anche con un giocatore colpito da crampi. Nel recupero i biancorossi ci riprovano con azione sulla sinistra, arginata anche questa. A chiudere in attacco però è la Pistoiese su punizione, ma senza archiviare l’azione con un tiro nello specchio della porta.

Distanze dilatate con Arezzo e Livorno, sempre prima e seconda grazie a rotonde vittorie, ma terzo posto al sicuro per i maremmani anche in virtù del turno di riposo della quarta Viterbese.
La prossima partita di calendario è il match casalingo contro la capolista Arezzo, a seguire la trasferta a Olbia.

La classifica del girone D: Arezzo 26 punti; Livorno 23; Grosseto 16; Viterbese 13; Lucchese 12; Pontedera, Carrarese 10; Olbia 8; Pistoiese 6.

PISTOIESE: Pinochi, Taverni (10’ st Gucci), Tesi, Lombardi, Campionini (31’ st Biagioni), Tramacere, Curumi (31’ st Mhilli), Cappellini (10’ st Checcucci), Simeone, Boganini, Consales (35’ Vuscusi). A disposizione: Roselli, Nardi, Seghi, Chiumello, Fattorini. All. Palazzi.
GROSSETO: Brunetti, Franceschini (9’ st Mema), Salvadori, Ottaviani, Fregoli (36’ st Cerulli), Simi, Gafà (36’ st Filippi), Marraccini (9’ st Bifini), Francavilla, Perrella, Rotondo. A disposizione: Bocchi, De Michele, Lucattini, Sarno, Valente. All. Pieri.
ARBITRO: Masi di Pontedera; assistenti De Matteis e De Stefano di Empoli.
RETI: 3’ Rotondo, 44’ e 7’ st Simeone.
NOTE: ammoniti Perrella, Ottaviani, Rotondo; espulso al 40’ st Tesi.

Commenti