Quantcast

Cascate del Mulino, Termine: «Dall’amministrazione pressapochismo e superficialità di gestione»

"Invito il sindaco Mirco Morini e l'assessore al turismo Valeria Bruni ad accogliere l'istanza presentata dalle minoranze e a sospendere immediatamente il provvedimento annunciato che limiterà gli accessi con una prenotazione online e l'invio di un QRcode"

MANCIANO – “Il Partito democratico provinciale segue con molta attenzione la vicenda delle Cascate del Mulino di Saturnia, in quanto il sito naturalistico rappresenta uno dei fiori (se non proprio il fiore) all’occhiello di tutto il territorio grossetano ed il motore per l’economia dell’intero comparto turistico ricettivo del Comune di Manciano e dei comuni limitrofi”, scrive, in una nota, il Pd.

“La complessità della gestione di tale sito – prosegue – non può essere approcciata con pressappochismo e superficialità come sta facendo l’amministrazione comunale di Manciano, in quanto si rischia di creare un danno d’immagine alla destinazione turistica e caos tra gli operatori del settore in questo momento pieno di difficoltà ed incertezze”.

“Invito il sindaco Mirco Morini e l’assessore al turismo Valeria Bruni ad accogliere l’istanza presentata dalle minoranze e a sospendere immediatamente il provvedimento annunciato che limiterà gli accessi con una prenotazione online e l’invio di un QRcode”, dichiara il segretario provinciale del Pd Giacomo Termine.

“Tutti condividiamo che le Cascate del Mulino devono restare pubbliche – prosegue Termine -, e devono essere gestite e regolamentate, ma questi obiettivi vanno raggiunti con una progettualità seria, costruita con un percorso partecipato con la cittadinanza, gli stakeholders del settore turistico, cogliendo le opportunità del Recovery Plan con lo sguardo rivolto ad un futuro green e sostenibile.

L’assessore regionale Leonardo Marras ha annunciato la perimetrazione dell’area e questo rappresenta un passo concreto verso un possibile miglioramento del sito naturalistico visto le nefaste prospettive che aveva indicato il sindaco Morini un anno fa, ma noi saremo vigili e attenti sui criteri che verranno individuati per l’assegnazione dell’area demaniale, in quanto non è pensabile che non venga tenuto conto della necessità della fruizione corretta delle acque stesse e del futuro utilizzo pubblico e collettivo di un bene così prezioso.

L’amministrazione comunale di Manciano sta trasformando un’opportunità in un problema, non avendo elaborato una progettualità che parte dall’esame degli interventi di base necessari, ma facendo credere di poter risolvere il tutto annunciando l’utilizzo di una piattaforma informatica con spot elettorali.

Invito il sindaco Morini a riflettere ed elaborare un piano di gestione emergenziale per la stagione 2021 per non compromettere le sorti future del sito naturalistico più importante della Maremma nell’interesse di tutti i cittadini della Provincia di Grosseto e della Tuscia”, conclude Termine.

Commenti