Quantcast

Chiavetta e Ragusa: «Sostegno alla ristorazione? Le parole non bastano ora servono i fatti»

"Il Comune consenta subito a Orbetello l'installazione delle strutture esterne con procedura semplificata"

ORBETELLO – “Le difficoltà dei bar e ristoranti non posso e non devono essere affrontate con una superficiale solidarietà a parole. Il nuovo decreto del Governo Draghi offre delle opportunità che vanno colte immediatamente”, a dichiararlo Mario Chiavetta, candidato sindaco al Comune di Orbetello, e Alessandro Ragusa.

“Nel decreto si consente che gli avventori si potranno sedere nei tavolini all’aperto di bar e ristoranti a pranzo e a cena – proseguono -, questo è un dato di fatto da cui ripartire e favorire in tutti i modi possibili.

Visto l’estremo ritardo della Giunta comunale nell’approvazione degli strumenti urbanistici serve una variante semplificata anticipatoria che consenta l’installazione delle strutture di accoglienza esterne per permettere alla cittadinanza, agli esercenti e ai turisti di riconquistare un pezzo di normalità quotidiana. Il Comune non può brillare per immobilismo come sta facendo.

Garantire al mondo dell’accoglienza tutte le occasioni per lavorare è un dovere di tutti e in particolare delle istituzioni locali. Per farlo servono scelte chiare e utili che con facilità consentano l’occupazione di spazi esterni. Il nostro regolamento urbanistico non prevede la realizzazione di queste strutture e gli esercenti saranno costretti dunque ad attrezzarsi chiedendo un aumento della concessione del suolo pubblico.

Bisogna agire subito, semplificare, favorire concretamente i ristoratori. Il tempo delle chiacchiere è finito”, concludono.

 

Commenti