Quantcast

Respinto il progetto Gessi rossi a Pietratonda, Venator: «Non capiamo perché. Valorizza il territorio»

SCARLINO – «È con disappunto che Venator prende atto del parere negativo espresso dall’odierna Conferenza dei Servizi relativa alla domanda di ripristino della ex cava di Pietratonda» a dirlo l’azienda in una nota. «Venator resta in attesa della formalizzazione di quanto espresso oggi per approfondire nel dettaglio gli elementi che costituiscono il parere negativo».

Giovanni Fusco, direttore dello stabilimento di Scarlino, ha dichiarato: «Venator continua a sostenere la bontà del progetto e l’utilizzo del gesso rosso per il ripristino ambientale. È difficile comprendere perché la Conferenza dei servizi abbia respinto un progetto che avrebbe valorizzato il territorio e l’ambiente. Nonostante la delusione di oggi, continueremo a lavorare in modo costruttivo con tutte le parti interessate per trovare una soluzione al fine di proteggere il futuro del sito di Scarlino e dei suoi lavoratori».

Commenti