Quantcast

Cascate del Mulino su prenotazione, la minoranza: «Stop al provvedimento e si apra un dibattito pubblico»

MANCIANO – “Come consiglieri comunali di minoranza del gruppo consiliare Tradizione e futuro del Comune di Manciano vogliamo ringraziare innanzitutto i numerosi cittadini che hanno partecipato alla riunione pubblica online tenutasi domenica sera”, dichiara la consigliera Hannah Lesch in merito alla riunione pubblica al cui ordine del giorno stava l’accesso contingentato alle Cascate del Mulino (Saturnia) deciso dall’Amministrazione Morini.

“Crediamo fortemente – prosegue la consigliera di opposizione – che la correttezza istituzionale di chi ricopre ruoli pubblici richieda di metterci la faccia e di mettersi a disposizione nei momenti di difficoltà e di incertezza, cercando di colmare almeno in parte attraverso una corretta informazione, il disorientamento causato dall’assenza dell’amministrazione comunale.

Annunciare il provvedimento di chiusura degli accessi alle Cascate del Mulino, rendendole raggiungibili soltanto tramite una prenotazione online, senza aver effettuato alcun percorso partecipato e di concertazione con gli operatori del settore, i consorzi turistici, le associazioni di categoria ed i territori limitrofi, è inaccettabile. Per questo riteniamo che il sindaco Mirco Morini e l’assessore Valeria Bruni debbano fare immediatamente marcia indietro.

I partecipanti sono intervenuti ponendo molte domande, tra le quali: Qual è l’area oggetto del provvedimento di chiusura? Quante persone potranno usufruire dello spazio contingentato? L’amministrazione ha intenzione di recintare l’area demaniale? Il provvedimento risulta già in vigore? I parcheggi saranno attivi al momento delle riaperture? La discrezionalità della scelta è legittimata da una consulenza giuridica? Perché sono gli operatori a doversi occupare del servizio di prenotazione se non sono stati coinvolti nella scelta? E’ stato redatto un progetto di gestione? Esiste un regolamento dell’area? I residenti, i titolari di seconde case e i turisti che alloggiano nei comuni limitrofi, come potranno accedere al sito?.

Fino a che tutti questi quesiti non saranno chiariti e in attesa che venga elaborato un chiaro progetto di regolamentazione e gestione delle Cascate del Mulino, chiediamo, tramite una mozione consiliare, al sindaco Morini e all’assessore al Turismo Bruni di sospendere immediatamente il provvedimento e di portare in consiglio comunale l’elenco dei quesiti posto dai cittadini durante l’assemblea, in modo da poter analizzare il provvedimento in un dibattito costruttivo e ragionare su un piano emergenziale di gestione del sito naturalistico per la stagione 2021.

Chiediamo al sindaco Morini di garantire la pubblicità della seduta tramite la trasmissione in streaming oppure di effettuare il consiglio comunale in un posto all’aria aperta o al cinema, dato il progressivo allentamento delle misure restrittive, in modo tale che la cittadinanza abbia la possibilità di assistere al dibattito e di comprendere le posizioni, le capacità, il merito e la portata delle decisioni dei propri rappresentanti istituzionali.

Non dibattere questo provvedimento in consiglio comunale e negare sul tema delle Cascate del Mulino una partecipazione pubblica significa approfittare della pandemia per svincolarsi dal rispetto delle più basilari regole democratiche che devono garantire partecipazione e trasparenza nelle scelte amministrative.

Il metodo è sostanza, per questo chiediamo un dibattito pubblico e continuiamo a stare nel merito dei problemi operativi e normativi che questo provvedimento rischia di innescare, creando a tutti noi consiglieri comunali del gruppo di minoranza Tradizione e futuro grande preoccupazione per il nostro territorio”.

Commenti