Quantcast

Il Comune entra nella Società dei Terzieri: il consiglio dà il via libera all’unanimità

Più informazioni su

MASSA MARITTIMA – E’ stato approvato all’unanimità nel corso della seduta di consiglio comunale, l’ingresso dell’amministrazione massetana nella Società dei Terzieri. L’occasione è stata l’adeguamento della storica istituzione massetana alla attuale normativa nazionale sul terzo settore: la società è divenuta infatti aps, associazione di promozione sociale ovvero un’associazione che svolge attività di interesse generale a favore della comunità, citando la norma “dei propri associati, dei loro familiari o di terzi”.

Si tratta di un tipo di aps di secondo livello in cui i Terzieri si sono riuniti e hanno chiesto al Comune di aderire. La scelta era stata esaminata a marzo dalla conferenza dei capigruppo consiliari da cui era emerso come, seppure l’ente pubblico si astenga solitamente dal far parte di organismi associativi privati per evitare l’ingerenza nella loro sfera limitandosi a sostenerne l’attività, in questo caso sarebbe stata adeguata una più significativa partecipazione del Comune in considerazione del fatto che sin dalla fondazione, nel 1960 l’Amministrazione cittadina ha sempre fatto parte del Consiglio, del Magistrato e dell’Assemblea della Società dei Terzieri, con pieno diritto di voto.

“Questa richiesta- ha detto il sindaco Marcello Giuntini- ci ha fatto particolarmente piacere proprio per le peculiarità della Società dei Terzieri Massetani, per la storia del gruppo intrecciata ormai da oltre 60 anni con la storia e la socialità della città, una città che anche all’esterno per i turisti e i visitatori continua a definirsi e vuole presentarsi sempre più come Città del Balestro”.

Insieme all’adesione il consiglio comunale ha approvato unanime anche le modifiche allo statuto del gruppo che prevede tra i membri di diritto del magistrato il sindaco (o un suo delegato) che oltre ad esprimere il proprio voto può formulare proposte e riferirà in Consiglio delle decisioni adottate quando ritenuto opportuno. “Adeguandosi alla normativa, a 60 anni dalla sua nascita la Società dei Terzieri ha dimostrato ancora grande vitalità e una capacità notevole di affrontare le sfide che il futuro presenta, seppur restando fedele allo spirito dei suoi padri fondatori”.

“La Società dei Terzieri -ha commentato il rettore Angelo Soldatini-ha accolto con grande soddisfazione il voto all’unanimità del Consiglio a favore di questa proposta, a testimonianza del forte legame che esiste fra il Comune e l’associazione, legame che non potrà che essere rafforzato e tradursi in una cooperazione per il bene soprattutto di Massa Marittima. Siamo pertanto riconoscenti a Giuntini e al vicesindaco Giovannetti che ha accettato questa delega, a tutta la giunta e al consiglio comunale per la sensibilità dimostrata”.

Più informazioni su

Commenti