Quantcast

Artigianato, contributi a fondo perduto per le imprese: risorse per 3,8 milioni

La Confcommercio di Grosseto è a disposizione per maggiori informazioni e per assistenza nella compilazione delle richieste

Più informazioni su

GROSSETO – Confcommercio Grosseto segnala l’apertura del bando regionale che prevede contributi a fondo perduto per le imprese dell’artigianato artistico, ovvero quelle micro, piccole e piccolissime imprese impegnate nelle lavorazioni più disparate, che hanno visto le loro entrate pressoché azzerate a causa della pandemia.

Nel complesso, le risorse disponibili per le imprese del settore sono 3 milioni e 800 mila euro e si tradurranno in un contributo pari a 2.500 per ciascun beneficiario.

Le domande potranno essere inoltrate dal 16 al 30 aprile. Tra i criteri da rispettare, avere sede in Toscana e aver subito una perdita di almeno il 30% dei corrispettivi nel confronto tra 2020 e 2019.

Sono ammissibili le domande presentate da imprese operanti nei settori economici elencati nell’Allegato A dell’articolo 13 del Regolamento di attuazione della legge regionale 53 del 22 ottobre 2008, ad eccezione di alcuni codici Ateco.

“Sono davvero tante le categorie ammesse – spiegano da Confcommercio -, dalla tessitura alla confezione di articoli in pellicceria, dalla fabbricazione di scarpe e borse, dalla legatoria all’attività fotografica, dalla creazione artistica e letteraria all’attività dei disegnatori tecnici, ma anche riparazione di mobili, di strumenti musicali, di orologi e gioielli, ai laboratori di tappezzeria, fino ai servizi di riparazioni rapide, duplicazioni chiavi, affilatura coltelli, stampa immediata su articoli tessili, ed è pertanto necessario verificare se il proprio codice Ateco si trova tra quelli che possono accedere al bando”.

La Confcommercio di Grosseto è a disposizione per maggiori informazioni e per assistenza nella compilazione delle richieste. Gli interessati devono una email a finanza.agevolata@confcommerciogrosseto.it, specificando la denominazione azienda e lasciando il proprio nome, cognome e numero di telefono per essere ricontattati.

Ancora l’associazione di categoria precisa che la graduatoria delle domande ammesse è determinata in funzione della percentuale di calo dei corrispettivi registrata. Le imprese costituite nel corso del 2020 saranno posizionate di default tutte al primo posto nella graduatoria.

“Si tratta del primo dei quattro bandi voluti dalla Regione Toscana per sostenere le imprese che sono state più penalizzate dalla crisi legata al Covid 19 – osservano dalla Confcommercio di Grosseto -. Ma siamo già a lavoro per quello che sarà il secondo atteso bando dedicato alla ristorazione e ‘filiera’. Ci saranno 4 milioni di euro a disposizione, due milioni in favore dei ristoranti ed altri due per i fornitori, con le richieste di partecipazione che potranno essere spedite dal 4 al 18 maggio. Anche per questa volta, non ci sarà alcun click day, ma si entrerà in graduatoria in base al calo del fatturato, con perdite di almeno del 30 per cento. Certo questi contributi non risolveranno la situazione, ma sono piccole boccate d’ossigeno che non vanno assolutamente perse”.

Più informazioni su

Commenti