Quantcast

Rifiuti, FdI dice no al “porta a porta”: «Si passi ai “cassonetti intelligenti”»

ROCCASTRADA – “Il ‘porta a porta’, il sistema da poco adottato dal comune di Roccastrada per la raccolta dei rifiuti urbani, non piace né a Fratelli d’Italia né a tantissimi roccastradini, in quanto a nostro avviso è un metodo oramai superato, figlio di scelte politiche obsolete, che non porta nessun beneficio per cittadini e residenti”, ad affermarlo è Moreno Bellettini, presidente del Circolo FdI Roccastrada.

“Se gli amministratori roccastradini – prosegue Bellettini -, prima di adottare il sistema della raccolta dei rifiuti porta a porta, si fossero informati presso altri comuni limitrofi, sia a guida centrodestra che centrosinistra, avrebbero appurato che molte amministrazioni comunali, che avevano alle spalle anni di raccolta porta a porta, hanno abbandonato tale sistema e sono passate ad altri ritenuti più funzionali e moderni, che, oltre evitare disagi ai cittadini, contribuiscono a non lasciare lo sporco per marciapiedi e strade, nonostante gli alti costi per i residenti”.

“In questi Comuni, in accordo con Sei Toscana – commenta l’esponente di FdI –, si è già provveduto, o stanno provvedendo, all’installazione dei cosiddetti ‘cassonetti intelligenti’. Tali cassonetti si aprono soltanto con una scheda magnetica personale, così da identificare l’utente afferente i rifiuti”.

“Un sistema veramente innovativo e comodo per tutti – spiega Bellettini –, dagli operatori ecologici ai cittadini, che ha come scopo immediato quello di lasciare le strade dei centri abitati sgombre da rifiuti, e l’altro obiettivo di far risparmiare denari in modo concreto ai cittadini, i quali dovranno pagare la tassa rifiuti in base a quello che conferiscono, tra differenziato e non riciclabile, abolendo così l’ iniquo sistema del calcolo metrico abitativo per stabilire l’importo del balzello”.

“Il circolo di Fratelli d’Italia Roccastrada, vista la grande richiesta e condivisione da parte di moltissimi cittadini di cambiare il modo della raccolta come da noi evidenziato, chiede a sindaco e giunta un ripensamento, anche se pur tardivo ma sempre utile per chi amministra, nell’adottare questo moderno ed innovativo sistema dei cassonetti intelligenti, già in funzione in altri comuni della nostra Maremma”, conclude Moreno Bellettini.

Commenti