Quantcast

La zona rossa frena il contagio, ma a Grosseto ci sono ancora troppi casi. IL GRAFICO E LA CURVA DEL VIRUS

Più informazioni su

GROSSETO - Oggi avremo la conferma che la Toscana resterà in zona rossa per un’altra settimana. Tra i comuni che, indipendentemente dal lockdown generale, si troverebbero ad affrontare un altro periodo di chiusura, c’è senz’altro il capoluogo di provincia, Grosseto.

Ieri il tasso di incidenza su 100mila abitanti era pari a 291, e anche se è un valore alto che supera la soglia dei 250, registra comunque un trend positivo rispetto al 19 marzo quando il valore era di 432 e per Grosseto era scattata la zona rossa.

I numeri sulla città restano però alti anche in questa fase nonostante la chiusura totale da ormai dieci giorni. Nelle ultime due settimane sono stati oltre 500 i nuovi positivi con una media di 35 nuovi casi al giorni. Infatti anche ieri l’Asl ha comunicato 35 nuovi casi per la città di Grosseto.

Attualmente il totale è di 3.275 cittadini positivi residenti (sono 7.449 i casi dall’inizio della pandemia) di cui 59 persone sono ricoverate in ospedale mentre sono 667 le persone in quarantena preventiva.
Il tasso di mortalità per Grosseto è pari a 1,4% con 101 decessi registrati dall’inizio della pandemia.

In queste ore il comitato tecnico scientifico di Roma sta analizzando i dati toscani e sarà poi il ministro della sanità Roberto Speranza a decretare, dopo il 6 aprile, la permanenza in zona rossa o meno della Toscana. Il rischio è che tutta la regione resti rossa fino al 19 aprile, anche perché al momento in Toscana, con i nuovi 1.631 casi di ieri, il tasso di incidenza è pari a 263,55 contagi su 100mila abitanti.

Il grafico - Qui trovate i dati relativi alle ultime due settimane: in particolare i dati sui nuovi contagi giornalieri e quello sul tasso di incidenza del virus che viene calcolato sulla base dei nuovi casi settimanali su 100mila abitanti.

Più informazioni su

Commenti