Quantcast

Il Corpo bandistico “La Rinascente” diventa digital e sfida la pandemia

Più informazioni su

MONTEROTONDO MARITTIMO – La pandemia non ferma il Corpo bandistico “La Rinascente” di Monterotondo Marittimo, anzi lo rinnova. Impossibile rimanere fermi, così la banda paesana si organizza e dà vita a numerose iniziative online per dilettarsi e per continuare a far divertire la gente, nonostante il periodo difficile che stiamo vivendo.

“Proprio un anno e un mese fa, la pandemia si prendeva possesso dell’Italia con il conseguente arrivo delle restrizioni a cui oramai siamo tutti abituati – spiegano dalla banda -. Come avviene ogni anno, il programma per le esecuzioni estive era in via di definizione ed il Corpo bandistico “La Rinascente” di Monterotondo Marittimo iniziava a studiare i nuovi brani. Poi quell’11 marzo 2020, con molta incertezza, il Corpo bandistico decideva di sospendere le prove.

Il consiglio della banda si è adoperato fin da subito affinché l’attività non venisse mai interrotta. Oggi, passato un anno, è tutto facile da pensare, registrazioni online, riunioni online, lezioni online e molto altro che contenga la parola “online”, ma un anno fa non c’era niente di abituale e scontato di tutto ciò per l’ambiente bandistico.

Con molto entusiasmo è stato pensato subito a come poter partecipare alle feste istituzionali del 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno (in modalità online). Così, grazie all’idea di alcuni suonatori, dopo varie prove, sono state effettuate delle registrazioni da remoto, ogni suonatore da casa propria, assemblando poi le singole registrazioni e realizzando il brano completo. Poteva bastare l’audio secondo voi? No. Ed ecco che l’audio è stato associato alla proiezione di video e foto a tema a seconda dell’occasione. Hanno partecipato molti suonatori, solamente i più anziani e meno tecnologici non hanno potuto prenderne parte.

Si è arrivati al periodo estivo, quando la normalità oramai sembrava tornata nella vita quotidiana. Sono riprese le prove all’aperto e la Banda è riuscita anche a fare due esibizioni concertistiche nei prati di Tatti, presso un famoso agriturismo, accompagnate da ottime cene, come il rito prevede.

Eccoci di nuovo ad ottobre, quando l’ombra della seconda ondata sta arrivando e le prove vengono nuovamente sospese. Il consiglio della Banda ha pensato subito a nuove registrazioni perché il sistema era consolidato, ma l’idea non entusiasmava molti musicanti: ci voleva qualcosa di nuovo e che allo stesso tempo stimolante e in grado di tenere unito il gruppo.

Il consiglio ne ha parlato a lungo e, in attesa degli sviluppi della pandemia, durante lo scambio di auguri di Natale (in modalità online) è stata organizzata una tombolata natalizia (sempre online), dove il montepremi erano dei semplici biglietti gratta e vinci da un euro. Un modo per stare insieme e passare una serata spensierata durante i lockdown delle festività.

Ed ecco che a gennaio è arrivata la nuova idea che il consiglio della Banda cercava. Organizzare delle lezioni serali (una a settimana, il mercoledì giorno di prova), lezioni non pesanti che vanno ad arricchire il bagaglio culturale di ciascun suonatore e trattare argomenti che alle prove non c’è tempo di approfondire. Potevano accontentarsi delle lezioni del loro maestro? No, perché nell’ambiente bandistico è bello venire a contatto con moltissime realtà e variare a 360 gradi, ed è pure bello vedere che nascono amicizie con bande incontrate solamente una giornata durante un raduno bandistico. È cosi che un loro caro amico, il maestro Federico Cecchini della Banda di Rocca Priora in provincia di Roma, alterna lezioni con il maestro titolare Giacomo Brunetti. L’idea degli organizzatori è quella di invitare anche altri maestri conosciuti nel tempo.

Adesso siamo a Pasqua, la primavera avanza, ed i consiglieri del Corpo Bandistico “La Rinascente” ci riferiscono essere a corto di idee ed il loro prossimo progetto è quello di tornare quanto prima alla normalità ed a quel contatto fisico e sociale che li accompagnava oramai da tantissimi anni, con la frequenza di almeno due/tre volte a settimana.

Una nota importante è che in questo periodo il Consiglio ha seguito, senza volerlo, le indicazioni che la Comunità Europea invita a seguire (raccomandazione 2006/962/CE competenza chiave N.8).

Il corpo Bandistico “La Rinascente” augura a tutti una Buona Pasqua”, concludono dalla banda di Monterotondo.

Più informazioni su

Commenti