Quantcast

In aiuto dello sport: utilizzo di spazi pubblici senza canone di occupazione

Più informazioni su

FOLLONICA – La Giunta comunale ha deliberato un intervento di sostegno in favore delle realtà sportive del territorio, che hanno risentito pesantemente della chiusura di palestre e centri sportivi, nel rispetto delle prescrizioni imposte dall’articolo 17 del dpcm del 2 marzo, permettendo la fruibilità di spazi pubblici senza l’onere del pagamento del canone di occupazione.

” Tra i nostri obiettivi – afferma il sindaco Andrea Benini – c’è la valorizzazione delle attività sportive e motorie come strumento di promozione del benessere psicofisico dei cittadini, e in questa difficile fase pandemica le realtà sportive hanno sicuramente risentito pesantemente della chiusura di palestre ed impianti; per questo abbiamo scelto di dare una risposta e una opportunità di ripartenza a queste attività economiche, nel rispetto delle limitazioni imposte a tutela della salute pubblica, partendo dal presupposto che è consentito, escludendo la zona rossa, svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale e delle norme”.

“Abbiamo quindi dato la possibilità – continua il sindaco – di strutturare aree esterne, prioritariamente nelle vicinanze delle palestre ed anche in aree pubbliche comunali, dove poter fare sport, imponendo modalità a maggior tutela della salute. Abbiamo semplificato al massimo questo iter, dando la possibilità ai gestori di formalizzare con un modulo per mail dove esprimere la volontà di strutturare lo spazio esterno, impegnandosi alle prescrizioni.

E’ un piccolo segnale che riteniamo importante anche per i cittadini abitualmente fruitori delle palestre, che in questo lungo anno di criticità hanno dovuto modificare le abitudini e lo sport, talvolta anche con danni alla propria salute”.

Il sostegno prevede che gli operatori dello sport presenti sul territorio (associazioni e società sportive, titolari di palestre ecc.), attraverso una comunicazione al comune di Follonica, possano essere autorizzati ad usufruire di spazi aperti, preferibilmente nelle vicinanze delle strutture sportive o comunque in luoghi non interessati da intensa fruizione da parte dei cittadini).

“uesta possibilità li impegnerà alla completa osservanza delle regole di prevenzione per il contagio da Covid19 dalle vigenti norme nazionali e regionali e delle ulteriori prescrizioni imposte dall’ Amministrazione”, conclude.

Nella realizzazione delle attività sportive e motorie all’aperto, infatti, dovranno essere rispettate le seguenti prescrizioni:

a) non possono essere collocate installazioni permanenti. Nel caso in cui, per la realizzazione dell’attività, sia necessario utilizzare attrezzature mobili temporanee (es. attrezzi, pedane, amplificatori ecc.) le stesse devono essere rimosse al momento in cui ha termine l’attività;

b) gli organizzatori devono assicurare il rispetto dei protocolli nazionali e regionali previsti per l’esercizio delle specifiche attività dalle disposizioni emergenziali;

c) gli organizzatori devono garantire che lo svolgimento delle attività non rechi danni di nessun genere all’area utilizzata, con particolare riguardo alle aree verdi e devono restituire i luoghi, al termine delle attività, nello stato originario, assumendosi l’onere di eventuali ripristini.

Per dare comunicazione al Comune di Follonica, sarà necessario sottoscrivere apposito modello scaricabile al link https://www.comune.follonica.gr.it/gli_uffici/caccia_pesca/ da a inoltrare al settore Sport tramite PEC follonica@postacert.toscana.it o tramite email all’ indirizzo acaturelli@comune.follonica.gr.it.

Più informazioni su

Commenti