Quantcast
Ambiente e lavoro

Gessi rossi, Lega: «Ai tecnici l’ultima parola»

"Dopo la Commissione sulle Ecomafie, sui gessi rossi è fondamentale trovare il giusto equilibrio tra sostenibilità ambientale e salvaguardia dei posti di lavoro. Necessario il tavolo proposto dal sindaco Grisanti"

Lega bandiera (2018)

GROSSETO – “La relazione finale della Commissione Parlamentare sulle Ecomafie relativa ai gessi rossi prodotti dalla Venator a Scarlino è preoccupante, sia per quanto riguarda il prodotto di scarto del ciclo di lavorazione e, a questo punto, la sua classificazione e il suo smaltimento, sia per quanto riguarda la salvaguardia dell’attività di una importante industria della Maremma”. Lo sostengono l’onorevole Maro Lolini, commissario della Lega Toscana – Salvini Premier ed il consigliere regionale Andrea Ulmi, segretario provinciale del partito.

“La relazione votata all’unanimità e trasmessa ai presidenti delle Camere – affermano Lolini e Umi- preoccupa e ci lascia con delle criticità che devono essere assolutamente esaminate da tutte le parti in causa: azienda, enti locali, associazioni di categoria e sindacati. Per noi la tutela dell’ambiente è importante, così come lo è la salvaguardia di centinaia di posti di lavoro tra diretto e indotto. L’uno, però, non deve prevalere sull’altro”.

“Sappiamo che l’azienda ha già dato il via ad un intervento per il riutilizzo di una parte consistente dello scarto della lavorazione del biossido di titanio – proseguono – e auspichiamo che proceda su questa strada e che questo possa avvenire in maniera sempre più efficace, allo stesso tempo resta il problema immediato dello stoccaggio dei gessi rossi e del costo di smaltimento se questo, come ritengono i relatori, dovrà avvenire in discarica, anziché per il ripristino delle cave dismesse, così come avvenuto nel passato”.

Lolini e Ulmi, di fronte ai lavori della commissione parlamentare, demandano ai tecnici l’ultima parola: “Sono loro che hanno le competenze – affermano i due esponenti leghisti- e che dovranno indicare le soluzioni ritenute idonee, sperando che non ci si divida ancora una volta in fazioni, ma che ci si riesca a confrontare in maniera costruttiva. Partendo dalla convocazione di un appositivo tavolo di lavoro con tutti i soggetti coinvolti, così come suggerito nei giorni scorsi, e rimasto ad oggi in maggioranza inascoltato, dal sindaco di Campagnatico Luca Grisanti in merito allo stoccaggio dei gessi rossi nella ex Cava di Pietratonda”.

leggi anche
Angelo Gentili
Ambiente
Gessi rossi, Gentili: «Bene il voto in Commissione Ecomafie. Ora si proceda con il corretto smaltimento»
Gessi rossi
Dall'associazione
Gessi rossi, La Duna: «Ambiente, salute e lavoro devono e possono coesistere»
gessi rossi 2018
Il punto della società
Venator: «I gessi rossi non sono pericolosi né per la salute dell’uomo né per l’ambiente»
Irene Galletti
Movimento 5 stelle
Gessi rossi, Galletti: «Via deroghe regionali a sostanze inquinanti. Tutela salute e ambiente siano priorità»
gessi rossi 2018
Ambiente
Gessi rossi, Pensiamo Scarlino: «La politica deve prendersi le proprie responsabilità e anticipare i tempi»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI