Quantcast

Come scrivere un curriculum funzionale per lavorare all’estero

Più informazioni su

    Vuoi lavorare all’estero? Allora, forse, stavi già pensando a come adattare il tuo curriculum in modo che soddisfi i criteri del paese dei tuoi sogni. Questo è importante, perché un curriculum che ti darebbe un lavoro negli Stati Uniti potrebbe facilmente finire scartato da subito in Francia. Certo, non necessariamente, ma è meglio non rischiare e procedere per gradi, stabilendo di volta in volta quale sia il miglior CV per lavorare all’estero. Ecco alcune cose pratiche da sapere prima di candidarti per un lavoro all’estero.

    Il primo aspetto: considera le differenze con un CV in Italia

    Il curriculum per un lavoro all’estero è sempre diverso da un curriculum “domestico” in Italia. Nel curriculum internazionale, devi mettere più enfasi sulla tua personalità rispetto a quando ti candidi per un lavoro domestico. Perché ancor più delle tue conoscenze e abilità, il reclutatore è interessato alla tua adattabilità all’ambiente internazionale.

    Ecco alcuni consigli pratici per mettere in risalto tutto ciò:

    1. Inserisci un breve obiettivo di carriera o un riepilogo sul tuo curriculum. Dì ciò in cui pensi di essere eccellente e perché sei appassionato della tua professione;
    2. Se sei un neolaureato e non hai molta esperienza da dimostrare, sii più specifico quando descrivi la tua istruzione. Racconta dei progetti interessanti di cui facevi parte, dei club o delle società di cui sei stato membro o dei tuoi più grandi successi accademici;
    3. Menziona la tua esperienza internazionale, ad esempio Erasmus, programmi di scambio, stage internazionali. Se non hai niente di tutto ciò, sottolinea la tua passione per i viaggi;
    4. Concentrati sui tratti che ti renderebbero un buon candidato per lavorare in un ambiente internazionale.

    Un lavoro all’estero: considera il Paese specifico in cui ti stai recando

    Per dirla semplicemente, un curriculum, un curriculum vitae o un CV è un riepilogo della tua formazione, abilità e precedenti esperienze lavorative in tutto il mondo. Tuttavia, alcuni paesi potrebbero avere le loro specifiche quando si tratta di scrivere stile, formattazione o informazioni fornite in un curriculum.

    Alcuni esempi di Paesi frequenti: gli Stati Uniti

    Negli Stati Uniti, la maggior parte dei candidati invia il resume, cioè un curriculum più breve, perché un CV americano è un documento più lungo, a volte di circa 10 pagine, utilizzato solo per scopi accademici, medici o di ricerca. Di solito un resume è di una pagina al massimo e le informazioni personali come l’età, la nazionalità o lo stato civile su un curriculum o una lettera di presentazione sono considerate non professionali. Inoltre, a meno che non sia pertinente alla posizione per la quale ti stai candidando, non è necessario elencare alcun hobby o interesse personale.

    Inghilterra

    Tornando in Europa, e più precisamente in Inghilterra, è abbastanza frequente indicare nel CV anche la propria istruzione secondaria anche se si è laureati. Questo perché i test A Level e O Levels dimostrano il livello di competenza in materie specifiche. Essendo uno straniero, puoi ma non devi dichiararlo. In Inghilterra scrivi un CV con frasi complete, non solo elenchi puntati. Ad esempio: “In questa posizione lavorativa gestivo i social media ed ero responsabile della creazione e della gestione degli annunci su Facebook e Twitter”.

    Francia

    Passando in Francia Il CV deve essere breve e conciso a meno che tu non abbia anni di esperienza o pubblicato molti articoli / pubblicazioni. Va bene includere una foto su un curriculum francese, ma dovrebbe essere una foto solo del volto e soprattutto molto professionale. Nella sezione dell’istruzione, devi indicare solo i diplomi più alti che hai ottenuto. Naturalmente, questo è solo se l’istruzione precedente non è particolarmente rilevante in termini di determinate abilità o conoscenze.

    Germania

    Infine un esempio classico, la Germania, meta frequente per i lavoratori italiani. I tedeschi chiamano il CV “Lebenslauf” che potrebbe essere tradotto come “il corso della vita”. I tedeschi sono molto severi quando si tratta di domande di lavoro. Se il CV non è facile da leggere e navigare, molto probabilmente verrà scartato. Un Lebenslauf tedesco è molto concreto, quindi dovrebbe contenere solo dati fattuali: nessuna frase abbellita o affermazioni elaborate, e soprattutto non dovrebbero esserci lacune nel tuo CV. Anche se non hai lavorato per un periodo di tempo, indica perché e cosa stavi facendo, per i recruiter tedeschi questo è a dir poco fondamentale.

    Più informazioni su

      Commenti