Quantcast

Coronavirus, la proposta della minoranza: «Screening di massa in paese»

CASTEL DEL PIANO – “Per contrastare la diffusione dei contagi il prima possibile crediamo che l’Amministrazione debba valutare l’attivazione del programma “Territori Sicuri” anche nel nostro Comune”, dichiara Samuele Pii a nome del Gruppo Tradizione e Innovazione in Consiglio comunale a Castel del Piano.

“Il progetto – prosegue -, promosso in collaborazione da Regione Toscana, Anci e Asl, ha l’obiettivo di eseguire uno screening gratuito della popolazione per intercettare i casi positivi, in particolare gli asintomatici, ed arginare eventuali nuovi focolai.

Il nostro Comune è tornato in zona rossa nella prima settimana di primavera, fino a domenica 28 marzo. Oltre al rispetto delle regole sul distanziamento, ad indossare la mascherina ed igienizzarsi le mani, crediamo sia necessario adottare ogni provvedimento possibile per rassicurare i nostri cittadini e far emergere la reale diffusione del virus.

Il programma “Territori Sicuri” di screening di massa sta funzionando nei Comuni dove è stato applicato con la collaborazione della popolazione.

Qualora non fosse possibile realizzarlo durante la zona rossa, invitiamo l’Amministrazione a valutare la possibilità di eseguirlo durante il lasso di tempo precedente il mini lockdown di Pasqua, sempre che i numeri lo permettano. Potrebbe aderire anche da noi un elevato numero di persone, pertanto ci mettiamo a disposizione come volontari per contribuire al funzionamento delle operazioni.

Un’altra iniziativa che auspichiamo sia realizzata nel nostro Comune, ed anche al livello di Unione dei Comuni dell’Amiata Grossetana, è la possibilità di effettuare nelle farmacie di zona test rapidi gratuiti per tutto il personale scolastico, studenti e docenti.

Il sindaco potrebbe invitare la farmacia comunale ad aderire all’elenco regionale di farmacie che svolgono questo servizio, ed allo stesso tempo il primo cittadino potrebbe invitare gli altri sindaci dell’Unione a fare altrettanto nei rispettivi Comuni”, conclude.

 

Commenti